Maradona, il ritratto di un fuoriclasse: più uomo-squadra di Pelè, più geniale di Messi e CR7
di Marco Lobasso

Maradona, il ritratto di un fuoriclasse: più uomo-squadra di Pelè, più geniale di Messi e CR7

Messi, Pelè, Ronaldo, tutti loro, in una grande squadra sono stati, in tempi diversi, i più grandi. Diego Armando Maradona, invece, sapeva trasformare una squadra normale nella più forte di tutte. È diverso, molto diverso. È di più, molto di più. Basta questo parallelo sportivo per chiudere la storia: nessuno potrà essere grande come lui. Maradona è stato l'uomo magico, il supereroe che trasformava i brutti anatroccoli in cigni meravigliosi, i perdenti in vincenti, gli ultimi in primi, i poveri in ricchi. Ci riusciva solo lui. Questa magia era la cifra inimitabile di un campione infinito, del piede sinistro di Dio, adesso celebrato finalmente come il più grande calciatore di tutti i tempi.

 

Leggi anche > Come è morto Maradona: l'autopsia. Le ultime ore dal malore a casa ai soccorsi

 Maradona tra Posillipo e Milanello, sognava Heater Parisi ma sposò Claudia. Vizi e virtù, gol e provocazioni

 


Le vittorie più prestigiose sono scolpite nella memoria collettiva: il Mondiale conquistato con l'Argentina, i due scudetti vinti con il Napoli, le coppe in azzurro ma anche con il Barça. E così i suoi gol, come la famosa mano de Dios e i 13 tocchi da centrocampo contro l'Inghilterra, come la punizione cibernetica contro la Juve al San Paolo sotto la pioggia. Ma Maradona era di più, molto di più; era il calciatore più vicino alla gente, non solo il più grande. Lo abbiamo visto giocare e divertirsi nel fango di una cittadina sconosciuta nel Napoletano, Acerra, solo per mantenere una promessa a un compagno di squadra; lo abbiamo visto ballare con il pallone durante un riscaldamento, prima di un Bayern-Napoli e la gente ballava con lui. Lo abbiamo sentito raccontare ai giornalisti increduli che il più grande calciatore dell'Argentina è stato El Trinche e non Maradona. Già, El Trinche, al secolo Tomas Carlovich, campione sconosciuto ma amato e glorificato da Diego. Così, ha conquistato tutta quella gente nel mondo che vive e lavora onestamente e che voleva solo un dio pagano da amare. L'ha avuto e lo avrà sempre.

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Novembre 2020, 08:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA