Maradona, il calcio perde il suo dio. Stroncato da un infarto a 60 anni, il calcio perde il suo dio
di Marco Zorzo

Maradona, il calcio perde il suo dio. Stroncato da un infarto a 60 anni, il calcio perde il suo dio

Diego Armando Maradona non c'è più. Se n'è andato a 60 anni, che aveva compiuti lo scorso 30 ottobre. La notizia ha fatto il giro del mondo in pochissimi secondi. Lasciando tutti con un senso di vuoto dentro che è come una stilettata al cuore.

 

Leggi anche > Come è morto Maradona: l'autopsia. Le ultime ore dal malore a casa ai soccorsi


L'ex Pibe de Oro, icona incontrastata del pallone, il calcio fatto persona è mancato per un arresto cardiorespiratorio che lo ha colpito nella sua casa di Tigre, quartiere di Buenos Aires. Se n'è andato un mercoledì 25 novembre, lo stesso giorno di Fidel Castro, il lider Maximo cubano che lo trattava come un figlio («Tu sei il Che Guevara dello sport», gli diceva). Diego morto il 25 novembre come un altro calciatore maledetto, George Best, nordirlandese stella del Manchester United campione di tutto nei favolosi beat e tumultuosi Anni 60.

 


Inutili i tentativi di rianimazione effettuati dal personale medico che lo accudiva 24 ore su 24 nell'abitazione in cui stava svolgendo la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico alla testa di tre settimane fa, resosi necessario per rimuovere un edema subdurale. A nulla è servito il repentino intervento delle ambulanze (9!) giunte quando Diego era già deceduto. Il Governo argentino ha ufficializzato tre giorni di lutto nazionale per commemorare Maradona. Da ieri diventato leggenda: l'argentino più famoso al mondo. Da una vita nel cuore di quel popolo sudamericano, che lo ha eletto miglior sportivo di sempre, tanto da scalzare un'altra leggenda di quelle parti, ovvero Manuel Fangio, cinque volte campione del mondo di Formula Uno negli Anni 50.


Diego lascia cinque figli: Giannina e Dalma, avute con la moglie Claudia Villafane (matrimonio dal 1984 al 2003), Diego Sinagra, nato da una relazione ai tempi del Napoli, nonché Diego Fernando e Jana. Maradona ci sta già mancando tremendamente. Hasta siempre, Diego.


marco.zorzo@leggo.it
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Novembre 2020, 08:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA