Premier, il Liverpool vince e resta in scia del City, cade il Chelsea di Sarri: «Sono preoccupato»

Premier, il Liverpool vince e resta in scia del City, cade il Chelsea di Sarri: «Sono preoccupato»

In Premier League, a Old Trafford, finisce pari tra Manchester United e Arsenal finisce (2-2). Per due volte i Gunners vanno in vantaggio, con Mustafi e Lacazette, ma i Red Devils recuperano con Martial e Lingard. Da notare che Mourinho decide di schierare «soltanto chi è disposto a dare tutto per la causa United» e lascia quindi a riposo sette titolari, fra i quali cui Pogba e Lukaku. Rischia il Liverpool contro il Burnley, a segno con Cork al 54', ma i Reds rimediano otto minuti più tardi con l'ottimo Milner. Entrano quindi in scena Salah e Firmino ed è il brasiliano a segnare mantenendo la squadra di Klopp in scia al Manchester City (39 punti contro i 41 della capolista). Il terzo gol dei Rossi è opera dell'ex interista Shaqiri. Brutta e inattesa sconfitta del Chelsea di Sarri a Wolverhampton, squadra reduce da cinque sconfitte nelle ultime sei partite. Blues in vantaggio con Loftus-Cheek, ma nella ripresa segnano Jimenez e Jota e il risultato viene capovolto: ora il Chelsea è a -10 dal City, scavalcato dal Tottenham, che batte 3-1 (Kane, Lucas e Son) il Southampton. «Dopo il gol subito siamo diventati un'altra squadra - ha detto l'ex allenatore del Napoli - sono preoccupato. City e Liverpool stanno facendo un campionato completamente diverso,- questa non è la nostra dimensione. Bisogna lottare per un posto nel prime quattro, dobbiamo guadagnare punti in ogni partita. So bene quanto sia importante non sprecarli, ho perso la Serie A facendone 91... Il City è la squadra più forte del mondo, forse»
Ultimo aggiornamento: 00:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA