Mattia Briga scrive su Leggo: «Il matrimonio è come un disco»
di Mattia Briga

Mattia Briga scrive su Leggo: «Il matrimonio è come un disco»

Non pensavo che l'organizzazione di un matrimonio richiedesse così tanto impegno.
O meglio: non credevo che, pur delegando l'incarico a un gruppo di professionisti, avrei comunque sbattuto la testa su un milione di aspetti.
Sembra un po' l'uscita di un album: scrittura, composizione, arrangiamento, organizzazione delle foto, grafica dei singoli, mix e master delle canzoni, ordine di ascolto, scelta del brano di apertura, insomma, un delirio.
Come per un album, pare che vada tutto liscio fino al punto in cui realizzi che tra due mesi devi consegnare il prodotto, oppure che in due mesi ti sposi.
Parte una fase di nervosismo e fibrillazione che già so ci accompagneranno fino all'altare, quando tutto, per un verso o per un altro, sarà andato bene o meno bene, ma sarà andato.
La mia futura moglie sta letteralmente impazzendo appresso al vestito, mi chiede consigli e suggerimenti, dimenticandosi che io non devo sapere come lei sarà vestita e che quindi non posso accompagnarla negli atelier. Ma va bene così, d'altronde ci siamo scelti anche per essere l'uno la sponda dell'altro.
In tutti i modi il caso ha voluto che dovesse anche uscirmi il disco in concomitanza col matrimonio. Devo essere più forte del previsto.


(Roar - Katy Perry)

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Ottobre 2021, 12:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA