Sondaggi politici, Pd (22,8%) vicino a Fdi (23,3%). Crolla chi ha fatto cadere Draghi. Coalizioni, centrodestra avanti

Il Centrosinistra modello "campo largo" (tutti + il M5s) arriva al 43,6%

Pd (22,8%) vicino a Fdi (23,3%). Crolla chi ha fatto cadere Draghi. Coalizioni, centrodestra avanti

Sondaggi politici ed elezioni politiche 2022: i partiti - Fratelli d’Italia e Partito Democratico sono i partiti con maggiore consenso, in questo momento secondo un sondaggio di Youtrend e agenzia Agi. Penalizzati e in calo sono invece i tre partiti considerati gli autori del "draghicidio", che hanno cioè fatto cadere il governo Draghi. E quindi sondaggi sfavorevoli per Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia perché ritenuti responsabili della crisi di governo. Il Pd aumenta i consensi, anche a discapito del partito guidato da Giorgia Meloni che si attesta come il preferito, ad oggi, secondo le intenzioni di voto raccolte in questa Supermedia elaborata da Youtrend (si tratta di una media ponderata dei sondaggi nazionali sulle intenzioni di voto raccolte dal 14 al 28 luglio da Demopolis, EMG, Euromedia, Piepoli, Quorum, SWG e Tecnè). 

FDI 23,3 (+0,9)
PD 22,8 (+1,1)
Lega 13,7 (-0,9)
M5S 10,1 (-1,1)
Forza Italia 7,8 (-1,0)
Azione/+Europa 4,9 (-0,2)
Italia Viva 2,7 (+0,1)
Verdi/Sinistra 4,1 (-0,1)
Italexit 2,8 (+0,2)
Art.1-MDP 1,8 (-0,2)

Giorgia Meloni: «L'Italia guidata da Fdi sarà affidabile all'estero. Letta? Scelta fra noi e lui»

Sondaggi politici: le coalizioni - Le coalizioni non sono ancora state formate ufficialmente. È sicuramente a buon punto quella di centrodestra, mentre è ancora un cantiere quella di centrosinistra. ​

  • La coalizione di centrosinistra più spostata al centro, con Calenda e Renzi, supera per la prima volta nella legislatura il 30%.

Pd con Azione+Europa e Italia Viva: 30,3 (+1,0)

Pd senza Italia Viva ma con Azione+Europa, Art. 1 e Verdi+sinistra: 33,5%

Centrosinistra campo largo (tutti + il M5s): 43,6

M5S: 10,1 (-1,1)
LeU: 3,6 (-0,4)
Altri: 9,7 (+1,5)

Elezioni, Conte: «Nel M5S non escludiamo dialogo con il Pd». Renzi: stop al veto Pd? Forse hanno fatto due conti

  • La coalizione di centrodestra veleggia su un 46,2%.

Giorgia Meloni la sobria, Salvini Stra-Matteo: la campagna delle destre segue due spartiti opposti

Il politologo D'Alimonte: «Berlusconi ha perso appeal sui moderati»

Nonostante il rispetto che ho per le capacità di 'campaigner' che Berlusconi ha dimostrato in tutta la sua vita politica oggi non credo che possa arrivare al 20%. Il Cavaliere ha perso quell'appeal che aveva nell'elettorato moderato ed il suo ruolo nell'affossamento del governo Draghi ha accentuato questo distacco». Ne parla con l'Adnkronos Roberto D' Alimonte, politologo e docente di 'Sistema politico italianò nel Dipartimento di Scienze politiche della Luiss che osserva: «Anche l'area di destra ha destinazioni più appetibili di Berlusconi, senza tener conto che c'è Calenda che ha dimostrato, pur non avendo deciso dove schierarsi, di poter essere un magnete per gli elettori di centro destra insoddisfatti». D' Alimonte fa notare «la scelta costosa compiuta da Carfagna e Gelmini abbandonando Forza Italia. Hanno lasciato un partito che fa parte della coalizione vincente, una nave che secondo i sondaggi andrà al governo. Hanno fatto uno scambio tra presente e futuro. Una scommessa molto rischiosa di rinuncia ai benefici immediati in vista della costruzione di un partito in un'area di centro moderato che potrebbe diventare l'ago della bilancia politica italiana». Il futuro sarà il centro? «Mi sembra un pò difficile. Va compresa la struttura dell'offerta, cioè gli schieramenti, che influenzano la domanda, cioè il voto. Comunque se il futuro ci sarà, dipende da Calenda. È l'unico con cui si può pensare di costruire un polo di centro. Azione è la sola formazione politica che in quell'area supera il 3% e che secondo i sondaggi è in ascesa, potrebbe arrivare al 6%. Ma Calenda è come Amleto: essere o non essere; entrare o non entrare, questo il dilemma...Panta rei, tutto scorre. Perché siamo agli accordi elettorali, non programmatici. Anche se Calenda - ricorda il politologo - è l'unico ad avere un programma. E questa potrebbe essere una buona carta per il leader di Azione, per guadagnare punti con i suoi elettori».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Luglio 2022, 00:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA