Governo, Giuseppe Conte accelera sul suo "partito": trattative con Udc e forzisti. Pd: serve quota 170

Video
di Marco Conti

Avrebbe voluto più tempo Giuseppe Conte per comporre la “quarta gamba”, ma al termine del vertice di maggioranza prende atto che non ce ne è molto e che già la settimana prossima i numeri in Aula potrebbero mancare. Nella riunione - alla quale per il Pd hanno partecipato sia il segretario Zingaretti che il capodelegazione Franceschini, per i 5S il ministro Bonafede e il reggente Crimi e per Leu il ministro Speranza - Conte si è mostrato sicuro di riuscire a rafforzare la sua maggioranza, e continua a sbarrare la strada ad Italia Viva convinto che l’alternativa al suo tentativo sia solo il voto anticipato.

Governo, i rinforzi di Conte: dal grillino sull’albero alla Rossi, ex lady di ferro del Cav


L'asticella

L’obiettivo è ora quello di formare un “gruppo-Conte”, anche con un numero minimo di senatori provenienti da tutti, o quasi, gli schieramenti, sicuro che poi genererà una slavina che potrà rafforzarlo ben oltre l’asticella dei 170 posta dal Pd per dormire sonni tranquilli. D’altra parte, anche se smentita, la nascita del partito di Conte, esercita un certo “fascino” su tanti eletti. Anche perché ieri, un sondaggio dell’Swg diffuso da Enrico Mentana su La7, lo dà al 16%. Secondo partito dietro la Lega e in grado di saccheggiare sia il Pd che il M5S. Quel 16% terrorizza dem e grillini, ma si trasforma in una calamita per i tanti che in Parlamento sono pronti a farsi “responsabili” pur di sperare in un rielezione. L’annuncio della nascita del partito viene per ora smentito nella speranza che Bruno Tabacci alla Camera e Ricardo Merlo al Senato riescano a completare i numeri, ma resta l’arma di riserva e comunque l’argomento più usato nelle trattative. I gruppi parlamentari sono quindi il primo step. Il tempo non è molto, ma più di quello che Conte ha avuto per affrontare ad inizio settimana il voto in Parlamento. Italia Viva, con Luciano Nobili, prova a mettere la maggioranza subito sotto pressione e dà appuntamento al voto sulla relazione del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Non un sfida con l’obbligo di arrivare al Senato a quota 161, ma per Iv un passaggio importante, e con tanto di voto, per testare il tasso di giustizialismo della coalizione e schiacciare il Pd sul M5S, cercando magari di creare imbarazzi a quelle forze laiche, socialiste e popolari che hanno sempre avuto posizioni molto più garantiste. 

 

 

 


 

 

 

Il Vax Day in tutta Europa, all’Italia è destinato il 13,46% di ogni fornitura

 

Palazzo Chigi cerca 12 senatori

Da Palazzo Chigi si va quindi alla caccia di una dozzina di senatori da raccogliere in un “gruppo-Conte” in modo da rendere più facile la trattativa per i posti di governo che verranno distribuiti solo dopo. Per ora da Palazzo Chigi si nega che siano state fatte promesse. Il riferimento è forse diretto al senatore Ciampolillo che già si sente ministro dell’Agricoltura. Il terreno di “caccia” non ha confini ma gli obiettivi privilegiati sono ancora i centristi di Cesa e Berlusconi. Ma i primi non sembrano disposti per ora a mollare. Antonio Saccone, senatore Udc più volte tirato in ballo lo dice anche con una certa stizza: «Non ci muoviamo». Dentro FI c’è sbandamento per la decisione di Maria Rosaria Rossi, ma se è vero che la scelta è legata ai cascami del processo Ruby-ter e non politica, è possibile che possa rientrare. Dopo aver girato l’Italia con il film su Bettino Craxi è probabile che anche il socialista Nencini possa avere qualche difficoltà a sottoscrivere il lavoro del ministro Bonafede. 

Premio Messaggero per i giovani «Ognuno di noi ha tanto da dare e da raccontare»

La posizione del Pd

Il voto sullo scostamento di bilancio e il decreto Ristori raccoglierà tra oggi e domani una maggioranza larghissima non solo per la promessa di votare fatta da Matteo Renzi prima dello strappo, ma anche per l’apporto delle opposizioni. Anche se qualcuno nel Pd vorrebbe assumere i due passaggi come conferma dell’esistenza della maggioranza, è indubbio che il percorso per arrivare a dare stabilità all’esecutivo sia ancora tutto in salita. Nel Pd non tutti sono però sulla linea del rimpasto e chiedono a Conte di mettere mano ad un “ter” con tanto di dimissioni, reincarico e nuovo passaggio di fiducia. Il premier non ne vuol sapere e l’ala governista dem è con lui anche per evitare che qualcuno della pattuglia Pd ci rimetta la poltrona o venga declassato.

Vaccino, focolaio nella casa di riposo: positivi 39 anziani che avevano già ricevuto la prima dose


A sera i dem si ritrovano. Franceschini e Zingaretti raccontano a Delrio, Marcucci ed Orlando dei tentativi di allargare la maggioranza e di procedere ad un rimpasto, ma non ad un ter. I due capigruppo, e lo stesso Orlando, storcono il naso per la campagna acquisti “random” di Conte e per il “no” di Conte ad un nuovo governo e ad un nuovo programma che avrebbe dato il senso al Paese di una vera ripartenza. Inoltre, «meglio trattare con Forza Italia sventolando la legge elettorale proporzionale che permettere a Conte di farsi prima i gruppi e poi, inevitabilmente, il partito».
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Gennaio 2021, 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA