In quarantena col marito violento, donna massacrata a colpi di mattarello

In quarantena col marito violento, donna massacrata a colpi di mattarello: salvata dai carabinieri

Il coronavirus ci tiene chiusi in casa per evitare rischi di contagio, ma per le donne vittime della violenza tra le mura domestiche sta diventando un incubo. Un caso terribile è avvenuto nel padovano pochi giorni fa, con una donna massacrata a colpi di mattarello dal marito dopo una lite per banali motivi, alimentata dalla convivenza forzata h24 sotto lo stesso tetto: ne parla il quotidiano Il Gazzettino, protagonisti della vicenda marito e moglie di origine macedone, 58 anni lui, 48 lei.

Leggi anche > Coronavirus, il video della Polizia spiega perché è così pericoloso

La donna si è salvata solo grazie ai carabinieri allertati dai vicini di casa che hanno sentito le sue urla disperate, scrivono Cesare Arcolini e Marina Lucchin sul Gazzettino: la lite è avvenuta domenica subito dopo pranzo, e la 48enne stava per diventare la prima vittima di femminicidio di questo periodo di quarantena. Il rapporto dei due sarebbe stato sempre particolarmente turbolento, a maggior ragione ora che entrambi erano insofferenti per la costrizione di restare in casa insieme per via del decreto dello scorso 11 marzo.

L'uomo avrebbe colpito la moglie con un mattarello di legno dopo averla inseguita per tutta la casa: prima un colpo in faccia, con cui le ha rotto un sopracciglio, poi sulle braccia, con un arto che le è stato rotto in più punti. Il sangue dal sopracciglio ha iniziato a scendere copioso e solo l'intervento dei carabinieri ha salvato la donna, che all'arrivo dei militari del maresciallo Claudio Girolimetto era per terra con una maschera di sangue.

La donna è stata trasportata all'ospedale di Camposampiero ed è stata giudicata guaribile in 45 giorni, mentre il marito è stato portato in caserma e arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate. Il 58enne è stato posto ai domiciliari a casa di un familiare in un altro comune, la moglie è potuta tornare a casa al sicuro dalle violenze del marito. Secondo quanto scrive il Gazzettino, è il primo caso di maltrattamenti in famiglia dall'inizio della quarantena dovuta al decreto per arginare la pandemia.

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Marzo 2020, 15:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA