Bologna, la compagna è ipovedente: tutta la classe impara a leggere e scrivere in braille

Bologna, la compagna è ipovedente: tutta la classe impara a leggere e scrivere in braille

La compagna di classe, una bambina profuga siriana, è ipovedente e i suoi compagni di classe hanno deciso di imparare a leggere e scrivere in braille per aiutarla e e starle più vicini. E' successo nella scuola media Veggetti a Vergato (Bologna). E' una particolare storia che emerge con il progetto "Erasmus+ Solidarité: à vous les jeunes". Protagonista, una ragazzina che due anni fa è scappata dalla guerra in Siria insieme alla famiglia.

 

Grace, 18 mesi, è la prima bambina nel Regno Unito ad avere una pompa cardiaca portatile in attesa di un trapianto

 

«E' stata molto contenta di questo slancio dei compagni. Chi ha delle patologie sente sempre che manca qualcosa. Senza contare che questa famiglia si porta dietro i segni profondi lasciati dalla guerra», ha detto Mariateresa Verderame, responsabile del progetto Erasmus+, al Corriere di Bologna. L'idea di imparare il braille, avanzata dalla docente di sostegno della ragazza, Elena Venturini, e da Verderame, professoressa di francese che coordina il progetto, ha subito entusiasmato alcuni dei ragazzi.

 

«I ragazzi si sono messi davvero nei panni della loro compagna e hanno capito le difficoltà che hanno le persone ipovedenti quando devono apprendere», ha spiegato Verderame. «E' stato anche un modo per testare la loro sensibilità nei confronti di una difficoltà vissuta da una loro coetanea, e il risultato è stato un successo, a giudicare dall'entusiasmo con cui i giovanissimi hanno partecipato alle attività di laboratorio. Anche così possiamo crescere dei futuri adulti più consapevoli, maturi, rispettosi. In fondo la scuola serve anche a questo».


Ultimo aggiornamento: Domenica 13 Giugno 2021, 07:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA