Juventus-Maccabi 3-1, le pagelle: Rabiot e Di Maria incantano

Juventus-Maccabi 3-1, le pagelle: Rabiot e Di Maria incantano

di Fabrizio Ponciroli

SZCZESNY 6,5 Sempre attento. Fa il suo dovere senza pecche. Sul gol di David non ha particolari colpe. Nel finale si fa sentire.

CUADRADO 6,5 Si applica con grande spirito in difesa e si propone spesso anche in attacco. Molto fluido e concentrato.

BREMER 6,5 Fa valere la sua stazza e, quando c’è da colpire di testa, è insuperabile. Un paio di anticipi di pura eleganza.

DANILO 6,5 Anche da centrale è una garanzia. Governa la difesa con maestria, spiegando a tutti cosa fare e dove mettersi. Jolly (21’ st Bonucci 6: soffre ma l’esperienza l’aiuta).

DE SCIGLIO 6 Fa il suo compito in maniera dignitosa. Forse potrebbe osare un po’ di più in attacco. Mette un paio di cross pericolosi (1’ st Alex Sandro 6,5: si presenta con un tunnel pazzesco. Ha voglia e si vede).

MCKENNIE 6,5 Non lo si nota molto ma è preziosissimo in fase di interdizione. La sua presenza in mezzo al campo è tangibile. Sfortunato in attacco.

PAREDES 6,5 Ragiona sempre quando ha la palla tra i piedi. Organizza il gioco con sicurezza. Stupisce per i tanti palloni recuperati. A suo agio (40’ st Miretti sv).

RABIOT 7,5 Quando entra in campo con la giusta determinazione è un giocatore speciale. Sblocca una partita complicata e la chiude pure. Prestazione superba. Ispirato.

DI MARIA 7,5 L’assist per la rete di Rabiot è da cineteca. Quello per Vlahovic è ancora più magico. C’è poi anche il terzo assist su calcio d’angolo. Un sinistro incantevole. Fatato.

VLAHOVIC 6,5 Si divora due gol clamorosi e perde troppo tempo a discutere. Poi ci pensa Di Maria a regalargli la prima rete stagionale in questa Champions League (28’ st Kean 6: sfiora il 4-1).

KOSTIC 6 Va ad intermittenza. Alterna buone giocate a momenti in cui si esenta dal gioco. Fosse più egoista sarebbe più letale. A sprazzi (21’ st Locatelli 6: un po’ frettoloso quando ha la palla tra i piedi).

ALLEGRI 6,5 I primi tre punti in Champions League sono ossigeno puro. Un passo alla volta. La squadra sembra più ordinata e con più soluzioni offensive. L’unica pecca il momento di ansia al gol del Maccabi.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Ottobre 2022, 23:29

© RIPRODUZIONE RISERVATA