Rai, terremoto in vista per i direttori di rete
di Marco Castoro

Rai, terremoto in vista per i direttori di rete

Tempi cupi per Matteo Salvini e Luigi Di Maio in tv. Il Capitano ha subìto l'ennesimo smacco in sovrapposizione contro i suoi nemici politici. Martedì sera le Sardine, ospiti di Giovanni Floris a diMartedì su La7, con il loro leader Mattia Santori e altri quattro volti nuovi sono state viste da 2.045.000 spettatori con uno share del 7,72%. Mentre Salvini - ospite in contemporanea di Bianca Berlinguer a Cartabianca su Rai3 - ha ottenuto uno share di 5,88% per 1.502.000 spettatori.

In precedenza, il 17 dicembre scorso, nella sovrapposizione con Conte, intervistato sempre a diMartedì su La7, il premier aveva vinto con un distacco compreso tra i 2 e i 3 punti di share nei confronti di Salvini, intervistato a Fuori dal Coro su Rete4. In quell'occasione il Giuseppe Conte era arrivato a toccare fino all'8,5% di share, mentre il leader della Lega non è andato mai oltre il 6,5%.

Per quanto riguarda l'amico-nemico Di Maio va detto che il suo passo indietro alla guida del partito fa tremare il terreno sotto i piedi di direttori e manager da lui nominati in Rai. A cominciare dal fedelissimo Fabrizio Salini, Ad di viale Mazzini, per continuare con il direttore del Tg1 Giuseppe Carboni.

A proposito di direttori, le ultime nomine Rai decise da Salini e votati dal cda sono ad interim. Riguarda Stefano Coletta (Rai1), Ludovico Di Meo (Rai2) e Silvia Calandrelli (Rai3). Mentre le nomine di loro stessi e degli altri nei vari generi sono incarichi senza preclusioni di tempo.

Che cosa vuol dire? Che i direttori delle reti Rai non si devono considerarsi in pianta stabile e quindi possono essere sostituiti a breve. Oppure, più semplicemente, che ormai il loro potere si è dimezzato nei confronti dei generi, così come previsto dal piano industriale firmato dall'Ad Salini.
 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 08:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA