Chiude “Sesso droga e pastorizia”, centinaia di insulti a Selvaggia

Chiude “Sesso droga e pastorizia”, centinaia di insulti a Selvaggia su Fb

Nuovo capitolo nella dura guerra tra Selvaggia Lucarelli e le pagine Facebook che incitano all'odio e alla pubblicazione di contenuti degradanti o minacciosi. La giornalista e blogger, infatti, ha vinto l'ultima battaglia, come riporta il Fatto Quotidiano.

La pagina 'Sesso droga e pastorizia', da molto tempo criticata dalla Lucarelli, è infatti stata chiusa, anche se forse solo temporaneamente. Già a settembre Selvaggia Lucarelli aveva avuto un alterco prima con gli admin, poi con i fan della pagina. La blogger aveva invitato i propri follower a segnalare la pagina, ricevendo però in cambio solo una vera e propria 'shitstorm'.



Oggi, dopo un controverso video pubblicato dagli admin della pagina in occasione dell'8 marzo, la pagina è stata chiusa. Lo ha annunciato su Facebook la stessa Lucarelli, che nei giorni scorsi aveva segnalato come il gruppo chiuso associato alla pagina fosse un contenitore di foto e video in stile 'revenge porn' e una vera e propria fabbrica della misoginia. La blogger aveva anche notato, tristemente, come il pubblico della pagina non fosse più quello originale, composto per lo più da minorenni appassionati di trash, ma avesse inglobato altri utenti in maniera trasversale, in primis donne adulte pronte a insultare con espressioni sessiste altre donne. Lo schema, ad ogni modo, è sempre lo stesso: insultare, diffamare e attaccare con ogni mezzo possibile il proprio obiettivo, forti di un'impunità presunta ottenuta grazie all'anonimato del web. Che, va ricordato, viene meno quando si commenta pubblicamente e con il proprio nome e cognome.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 10 Marzo 2017, 16:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA