Variante Delta, in Catalogna è in corso la quinta ondata: 100mila casi in 3 settimane Diretta

Variante Delta diretta: in Catalogna 100mila casi in 3 settimane. Ecco dove tornano i divieti e le restrizioni in pubblico

Più della metà degli adulti dell'UE sono stati vaccinati. Ma la battaglia contro il Covid non è finita, anzi la variante Delta ha dimostrato che quella dei vaccini è una corsa contro il tempo perché le mutazioni del virus rischiano di aggirare i preparati farmaceutici sviluppati nemmeno un anno fa. In Spagna, in Catalogna risultano 100mila nuovi contagiati in tre settimane. 

Europa e Asia, il coronavirus corre di nuovo: ecco dove

 

Nei paesi con una bassa copertura vaccinale, i casi di nuovi contagi sono aumentati. Ma anche in Europa, dove più della metà delle persone ha ricevuto il vaccino si registrano impennate di nuovi casi. 

Spagna: in Catalogna c'è la quinta ondata

La quinta ondata della pandemia di coronavirus continua a colpire duramente la Catalogna, dove degli 800.000 catalani che sono già stati contagiati, 100.000 sono stati registrati nelle ultime tre settimane, in coincidenza con la festa di Sant Joan, dell'inizio dell'estate e dell'apertura della vita notturna. Lo riporta il quotidiano catalano La Vanguardia, sottolineando che continuano ad aumentare i pazienti covid negli ospedali e nelle terapie intensive, mentre nelle ultime 24 ore ci sono stati sei morti per Covid nella regione.

Pescara, otto positivi sul volo da Malta: tutti in quarantena, anche quelli con Green pass

 

Austria: più che triplicati i casi in una settimana

L'Austria registra un'impennata dei contagi Covid, con una triplicazione nel giro di una settimana. Sono infatti 332 i nuovi casi accertati tra venerdì e sabato, mentre nello stesso periodo della settimana precedente sono stati individuati appena 107 contagi. Negli ultimi sette giorni sono stati registrati in media 160 nuovi casi al giorno, quasi il doppio della stessa settimana di luglio 2020 (84). Lo stesso vale anche per i casi attivi che attualmente sono 2.474 e il 14 luglio del 2020 furono appena 1.239.

Olanda: mille contagi dopo un festival

Quasi mille persone sono risultate positive al Covid-19 dopo aver partecipato al Verknipt Festival che si è tenuto il 3 ed il 4 luglio a Utrecht, in Olanda. Lo riporta l'agenzia di stampa 'Anp', precisando che almeno 448 persone sono state contagiate il primo giorno e 516 il secondo. Complessivamente al festival musicale hanno partecipato circa 20mila spettatori. Gli organizzatori si sono detto scioccati per il gigantesco focolaio e si sono difesi sostenendo di aver seguito tutte le misure igienico-sanitarie previste. Per partecipare al festival era obbligatorio presentare la prova di essere vaccinati o un test negativo e, secondo gli osservatori, gli ingressi sono stati controllati con attenzione. Inoltre erano state stabilite delle fasce orarie per evitare assembramenti.  L' Olanda è alle prese con un boom di contagi. Secondo i dati resi noti ieri dall'istituto per la salute pubblica (Rivm), nell'ultima settimana sono stati riscontrati 51.957 nuovi casi positivi, con un aumento del 500% rispetto ai sette giorni precedenti. L'impennata di nuovi casi arriva dopo che il 26 giugno il governo aveva revocato praticamente tutte le restrizioni, riaprendo anche le discoteche che erano chiuse da 15 mesi. Venerdì il primo ministro Mark Rutte ha dovuto fare marcia indietro, chiudendo i locali notturni e imponendo a bar e ristoranti di non rimanere aperti oltre mezzanotte. Rutte si è poi scusato pubblicamente per «l'errore di valutazione».

 

Corea del sud: vietati assembramenti di oltre 8 persone

La Corea del Sud ha registrato 1.615 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, un nuovo record giornaliero dopo quello di venerdì scorso a quota 1.378: il governo, intanto, ha rafforzato le misure anti Covid in quasi tutto il Paese per far fronte a questa nuova ondata di contagi spinta dalla variante Delta e un programma di vaccinazioni che procede al rallentatore. Lo riporta il Guardian. Da domani, ha annunciato il premier Kim Boo-kyum, in tutto il Paese tranne che in alcune regioni meridionali, saranno vietati gli assembramenti di oltre otto persone, mentre bar e ristoranti dovranno chiudere a mezzanotte. Nell'area metropolitana di Seul, invece, sono in vigore già da lunedì restrizioni ancora più stringenti, come il divieto agli assembramenti di oltre due persone dopo le 18:00.

Zona gialla, l'allarme dei governatori: «Nuovi criteri o si richiude»

A Tokyio: contagi sopra quota mille

A pochi giorni dall'inizio dei Giochi Olimpici di Tokyo il numero di nuovi contagi da coronavirus è salito a oltre 1.000. Mercoledì la capitale giapponese ha registrato 1.149 nuovi casi superando la soglia dei mille per la prima volta in circa due mesi. L'aumento arriva nonostante Tokyo sia stata posta per la quarta volta in stato di emergenza. A preoccupare è la curva dei contagi in ascesa da 25 giorni a questa parte. L'opinione pubblica nipponica ha espresso forti dubbi sull'opportunità di disputare i Giochi per paura di un aumento dei contagi ma il Giappone e il Comitato Olimpico Internazionale hanno assicurato che le Olimpiadi saranno sicure. Il Giappone «non deve preoccuparsi della sicurezza», ha affermato il n.1 del Cio, Thomas Bach.

Focolaio sulla maxi portaerei inglese che sta facendo il giro del mondo

Un focolaio di Covid-19 è stato confermato sulla nave ammiraglia della Royal Navy, HMS Queen Elizabeth, lla maxi portaerei britannica lunga 280 metri con 1.700 persone a bordo. Alla BBC è stato detto che ci sono stati circa 100 casi sulla portaerei, che è a metà di un tour mondiale. Il segretario della difesa Ben Wallace ha detto che tutto l'equipaggio sul dispiegamento ha ricevuto due dosi di un vaccino Covid-19 e l'epidemia è stata gestita. La HMS Queen Elizabeth, ora, è entrata nell'Oceano Indiano e sta percorrendo il giro del mondo: coprirà 26.000 miglia. La nave da guerra da 3 miliardi di sterline è partita dalla base navale di Portsmouth a maggio. La regina e il primo ministro sono saliti a bordo prima che partisse per la regione indopacifica. La nave ha iniziato le prove in mare nel 2017, dopo aver sostituito la HMS Illustrious che è stata demolita nel 2014. Ha a bordo otto jet da combattimento stealth F35B della RAF e 10 del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e sarà accompagnata in Asia da sei navi della Royal Navy, un sottomarino, 14 elicotteri navali e una compagnia di Royal Marines.

Elisabetta, l'omaggio toccante a Filippo nella visita ufficiale sulla portaerei della Royal Navy

In Russia: nuovo record di morti

Ancora record di decessi in Russia a causa della pandemia di coronavirus. Le autorità hanno confermato che nelle ultime 24 ore si sono registrati altri 786 decessi, mai così tanti dall'inizio dell'emergenza sanitaria, come sottolinea l'agenzia Tass. Il bollettino odierno parla anche di 23.827 nuovi casi di Covid-19, che portano il totale a 5.857.002 contagi con 145.278 vittime e 5.257.483 persone dichiarate guarite dopo aver contratto l'infezione. I casi attivi sono 454.241. A Mosca sono stati confermati 3.966 nuovi casi e 109 vittime. Ieri la Russia aveva segnalato un totale di 24.702 contagi e 780 decessi.

Variante Delta, ipotesi terza dose del vaccino: gli effetti su persone deboli in una maxi-ricerca norvegese

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Luglio 2021, 15:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA