Europa League, buon sorteggio per la Lazio: nel girone F il Feyenoord è l'avversario più temibile

Europa League, buon sorteggio per la Lazio: nel girone F il Feyenoord è l'avversario più temibile

di Alberto Abbate

Stavolta la Lazio vuole e può fare sul serio, dopo il quinto posto conquistato lo scorso anno. Riparte l'Europa League, abbandonata nell'ultima stagione ai sedicesimi dopo lo spareggio contro il Porto. Stavolta l'organico di Sarri è più ampio e Lotito sogna il colpaccio nel torneo. Nel sorteggio di Istanbul i biancocelesti finiscono nel gruppo F e pescano il Feyenoord, finalista della Conference contro la Roma. Squadra antipatica sì, ma rispetto a Tirana ha smontato mezza rosa: fuori Sinisterra (Leeds), Senesi (Bournemouth), Malacia (Manchester United), Aursnes (Benfica) e Dessers (Cremonese), dentro Timber dall'Utrecht, Hancko dallo Sparta Praga, Paixao dal Coritiba, Dilrosun dall'Herta Berlino, Gimenez dal Cruz Azul. Finito un ciclo il club olandese ne sta aprendo un altro, fedele sempre all'idea di calcio propositivo sposato dal tecnico slot.

Dalla terza fascia arriva il Midtjylland, che ha appena cambiato guida tecnica. C'è Onyedika in mezzo al campo, è tornato Pione Sisto. Lo scorso anno il club danese ha disputato l'Europa League, chiudendo terza il girone alle spalle di Stella Rossa e Braga e venendo eliminata ai rigori nello spareggio di Conference dal Paok Salonicco. Due stagioni fa invece chiuse al quarto posto il girone di Champions League dietro a Liverpool, Atalanta e Ajax. A Bergamo costrinse la squadra di Gasperini al pareggio e strappò un punto prestigioso anche contro il Liverpool. Il giocatore più celebre è il danese Pione Sisto (in passato finito anche nel mirino della Lazio), molto interessanti sono i centrocampisti Onyedika ed Evander, gli attaccanti Dreyer e Isaksen. Una curiosità è che il nuovo allenatore Capellas è stato ingaggiato soltanto due giorni fa. Non è un avversario comodissimo, ma la Lazio è di un altro livello.

Completano il gruppo, gli austriaci dello Sturm Graz. Nella Bundesliga austriaca invece il risultato è stato un soddisfacente secondo posto alle spalle della dominatrice Salisburgo. Il calciomercato ha portato pochi cambiamenti (l'acquisto più importante è stato Emegha dall'Antwerp) proseguendo così nel progetto intrapreso nell'estate 2020 con il tecnico Christian Ilzer. La stella della squadra è il centravanti classe 2003 Hojlund, altri profili interessanti sono il centrocampista Stankovic e il difensore Affengruber.

L'anno scorso andò decisamente peggio dal sorteggio, per questo volare direttamente agli ottavi diventa quasi un obbligo per la Lazio. I ragazzi di Sarri si giocheranno il primato con il Feyenoord. E sorridono, pure perché stavolta eviteranno, almeno nella prima fase, trasferte complicate, anche dal punto di vista meteorologico-ambientale, che potrebbero minarne poi il cammino in campionato. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Agosto 2022, 14:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA