Masterchef Italia 10: si parte giovedì. Dalle selezioni via zoom alle prove a sorpresa ecco tutte le novità di questa edizione

Video
di Ida Di Grazia

Mastechef 10: si parte giovedì. Dalle selezioni via zoom alle prove a sorpresa ecco tutte le novità di questa nuovissima edizione. Dal 17 dicembre ogni giovedì alle 21.15 su Sky torna il talent culinario prodotto da Endemol Shine Italy. A giudicare le prove degli aspiranti chef torna il trio composto dal decano Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli.

 

Leggi anche > Miss Italia 2020: eletta Martina Sambucini, 19 anni romana «Sono felice, spero di non deludere nessuno»

 

Il talent culinario di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, spalanca le porte delle sue cucine per la decima edizione, in onda dal 17 dicembre ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno e in streaming su NOW TV. Con entusiasmo e determinazione riparte la ricerca del migliore chef amatoriale d’Italia. A giudicare le prove degli aspiranti chef torna il sempre più affiatato trio composto da Bruno Barbieri, pioniere del programma sin dalla prima edizione, che si è sempre distinto per la sua attenzione alla perfezione in cucina e la sua eleganza; Antonino Cannavacciuolo, un mix di raffinatezza, simpatia e rigore; Giorgio Locatelli, che porta in cucina spirito British e anima italiana, innovazione e attenzione al dettaglio.

 

Il livello è sempre più alto e gli aspiranti chef si dovranno confrontare con sfide ancora più intense. Per accedere alla cucina di MasterChef le selezioni sono state durissime: in una prima fase i giudici hanno valutato i concorrenti tramite Zoom, chiamando i migliori a presentarsi per i Live Cooking. Già in questa fase entra in gioco una novità: una dispensa grandissima in cui i concorrenti si perderanno cercando gli ingredienti necessari per la creazione dei loro piatti. «Tramite Zoom - ha raccontato in conferenza Locatelli - siamo stati accolti nelle cucine di tutti i giorni dei vari concorrenti. Già lì, si può capire molto, grazie all’occhio dello chef»

Chi riuscirà a convincere i giudici all’unanimità potrà accedere direttamente alla Masterclass. Chi, invece, guadagnerà due approvazioni su tre conquisterà il Grembiule Grigio, introdotto nella scorsa edizione, che dà accesso alle sfide per giocarsi il posto nella classe. Inoltre Barbieri, Cannavacciuolo e Locatelli avranno la possibilità, anche quest’anno, di scommettere su un candidato a testa firmando un grembiule grigio, consentendo l’accesso del concorrente alle sfide successive. Quest’anno, infine, per la prima volta, chi ottiene tre sì dai giudici, riceverà il tanto sognato Grembiule bianco con il proprio nome ed entrerà direttamente in Masterclass senza dover superare altre prove.

Una volta formata la Masterclass, variegata e multiculturale, dei 21 aspiranti MasterChef, comincerà la vera sfida.  Tornano le amate Mystery Box, l’adrenalinico Invention Test e il temutissimo Pressure Test. Viene confermato anche lo Skill Test, una prova che i concorrenti hanno imparato a temere, una sorta di “esame a sorpresa”: una prova eliminatoria molto tecnica, sviluppata su tre livelli di difficoltà crescente su una specifica abilità.

«Abbiamo cercato di lavorare, dopo tanti anni, in un modo più “alto”, tecnicamente parlando - ha raccontato Barbieri -  I concorrenti hanno anche reagito in un certo modo. Inizialmente, non è stato facile. Abbiamo cercato di sviscerare tutto quello che era possibile.  I telespettatori vogliono vedere dei grandi piatti»

Tra gli illustri ospiti di questa edizione, torna il Maestro Iginio Massari, che testerà i concorrenti nell’insidiosa sfida di pasticceria, da sempre banco di prova per gli aspiranti chef; anche il giovane e cosmopolita chef Jeremy Chan, detentore di una stella Michelin per il suo ristorante “Ikoyi” a Londra, che ha incantato il pubblico lo scorso anno, tornerà fra gli ospiti della cucina di MasterChef. Fra le novità Mauro Colagreco, lo chef pluristellato fondatore del ristorante Mirazur a Mentone, e l’enfant prodige Flynn McGarry, che a soli 22 anni ha ottenuto riconoscimenti a livello mondiale per il suo indiscusso talento.

Confermale le prove in esterna, fra le location:  il  Lago d’Iseo e Crespi d’Adda, villaggio industriale patrimonio dell’UNESCO, riconosciuto per il suo valore architettonico e storico. Per conquistare il titolo di decimo MasterChef italiano, vincere 100.000 euro in gettoni d’oro e pubblicare il loro primo libro di ricette servirà talento e determinazione. I concorrenti dovranno dimostrare ai giudici il loro amore per la cucina, la loro forza di volontà e il coraggio di osare nei loro piatti.

 

Tutto il mondo MasterChef sceglie di essere – anche quest’anno – plastic free ed eco-friendly promuovendo il consumo consapevole ed ecosostenibile, rispettando l’ambiente e non sprecando risorse alimentari. La produzione adotta in tutti i luoghi di lavoro un approccio plastic free. Tutti i prodotti di consumo legati al cibo (piatti, bicchieri, posate, vassoi, tovaglioli) sono di natura compostabile ed ecosostenibile. Accanto al rispetto per l’ambiente, MasterChef da sempre si impegna anche nella lotta contro gli sprechi e la gran parte degli alimenti non impiegati per le prove è stata donata all’Opera Cardinal Ferrari Onlus di Milano. Il programma si è avvalso della preziosa collaborazione di Last Minute Market, la società spin-off dell'Università di Bologna impegnata sul fronte della riduzione degli sprechi e della prevenzione dei rifiuti da oltre 10 anni.


Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Dicembre 2020, 20:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA