Beppe Grillo, l'auto dell'incidente ancora tra le montagne dopo 39 anni. Il sindaco: «La faccia rimuovere»

Beppe Grillo, l'auto dell'incidente ancora tra le montagne dopo 39 anni. Il sindaco: «La faccia rimuovere»

Sono passati quasi 39 anni da quel tragico incidente che segnò la vita di Beppe Grillo. Era il 7 dicembre del 1981 e il comico genovese era ai primi anni della sua sfolgorante carriera televisiva: tre anni prima aveva condotto Sanremo, due anni prima insieme a Loretta Goggi era stato il volto di Fantastico.

Quel giorno dell’81 Grillo, al volante della sua Chevrolet, andò a sbattere e scivolò per 150 metri sulle montagne di Limone, in Piemonte: nell’incidente morirono tre persone, Renzo Giberti di 45 anni, sua moglie Rossana Quartapelle di 33 e il figlio Francesco, che aveva appena 9 anni. Con Grillo stavano andando a Baita 2000: l’auto scivolò sul ghiaccio e Grillo si salvò lanciandosi fuori dalla vettura.

Grillo venne condannato per omicidio plurimo colposo a 14 mesi, condanna diventata poi definitiva. Quasi 39 anni dopo, quell’auto è ancora lì, abbandonata tra le rocce e visitata come fosse una meta turistica: ma in quello schianto «morirono tre persone», ha ricordato il sindaco di Limone Piemonte Massimo Riberi, scrive oggi Repubblica nelle pagine torinesi.

«Vorrei contattare Beppe Grillo per chiedergli di rimuovere quei rottami, credo che sia anche suo interesse. Dopo 40 anni non c’è ragione perché quell’auto resti lì, cerchiamo di trovare una soluzione per rimuoverla», ha detto ancora a Repubblica il sindaco, che vuole però che sia proprio il comico genovese, poi fondatore del Movimento 5 Stelle, ad accollarsi i costi. Un’operazione difficile, perché le lamiere sono incastrate tra le rocce e non sarà semplice eliminarle.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Luglio 2020, 17:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA