Vasco, i No Vax e Red Ronnie: «Libertà ha senso quando è all'interno di un limite altrimenti è caos»

Il cantautore: «Io credo nella scienza: se ho mal di denti prendo un antidolorifico. Non vado a parlare con un santone»

Video
di

Il tema è il suo nuovo album "Siamo qui" in uscita il 12 novembre. Ma a Milano Vasco Rossi parla anche del Covid, dell'importanza del vaccino e di come sia impossibile convincere un No vax: perché è già convinto di qualcosa e ha bisogno di credere in quel qualcosa senza spostarsi di un millimetro da quella convinzione. Motivo per il quale aveva accettato di girare un video "tradizionale" con Red Ronnie per parlare solo di musica. Perché su tutto il resto, Vasco, aveva detto di volersi dissociare. E tutto il resto è proprio la questione vaccino e Green pass.  

Ecco cosa pensa delle persone che si rifiutano di ricevere il vaccino. «Il no vax pensa che ci sia un complotto perché tutto deve avere un motivo, non riesce ad accettare che sia un caso ma pensa ci sia dietro qualcosa. Provi a parlarci ma non puoi convincerlo, lui è convinto di quello e ha bisogno di crederlo perché la sua testa è così». «Per questo - ha aggiunto - mi dissocio da quello che dice Red Ronnie. Ultimamente, quando va a parlare come opinionista, tratta di argomenti che tanto non conosce, una volta ha detto che i testi dei rapper sono violenti e istigano alle violenze dei ragazzini e mi ricorda quando (Nantas, ndr) Salvalaggio diceva che io ero responsabile di chi si drogava perché cantavo Coca Cola, ma io raccontavo i giovani di quel tempo».

«Io credo nella scienza: se ho mal di denti prendo un antidolorifico. Non vado a parlare con un santone, la mia posizione - ha ricordato - la conoscete, ho obbligato a mettersi la mascherina chi veniva davanti a casa mia a prendersi l'autografo, tutto qua, io non consiglio niente». Secondo Vasco, «le parole sono usate in modo vergognoso oggi. Quando sento urlare "Libertà, libertà" penso che la libertà non è quella: libertà - ha sottolineato - ha senso quando è all'interno di un limite altrimenti non è libertà ma caos, noi negli anni 70 lo avevamo già capito, non mi aspettavo di tornare indietro come stiamo facendo ora, si tornano a mettere in discussione cose che per me erano chiare».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Ottobre 2021, 18:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA