Ucraina, attivista rapita a Melitopol: è giallo. Olga manifestava per la liberazione del sindaco Fedorov

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha riferito di aver chiesto a Emmanuel Macron e Olaf Scholz di mediare con Vladimir Putin per la sua liberazione

Giallo sull'attivista rapita a Melitopol: Olga manifestava per la liberazione del sindaco Fedorov

Di Ivan Fedorov, sindaco di Melitopol - città dell'Ucraina sud-orientale nell'oblast' di Zaporižžja - non si ha alcuna notizia dopo il suo sequestro avvenuto ieri in un blitz di agenti di Mosca, che hanno portaton via il primo cittadino con un sacchetto sulla testa. Avvolta nel mistero è anche la sorte di Olga Gaisumova, nota attivista nella città sul mar d'Azov, scomparsa nel nulla durante una manifestazione che si è tenuta di fronte all'amministrazione regionale di Melitopol, quando questa mattina almeno duemila cittadini, alcuni avvolti nelle bandiere ucraine, hanno chiesto a gran voce la liberazione di Fedorov.

Firenze, Zelensky in collegamento video per parlare all'Italia: «Invasione cinica e crudele da Russia». In 20mila in piazza

Mentre la manifestazione, che Olga stessa aveva organizzato, era ancora in corso, i russi hanno rapito anche lei. Secondo la ricostruzione di alcuni testimoni, un piccolo convoglio di auto si sarebbe avvicinato ai dimostranti. Da lì sarebbero usciti una decina di uomini, vestiti di nero e senza insegne, lanciando fumogeni per disperdere la folla. A quel punto avrebbero bloccato la donna, che si trovava a qualche metro di distanza dai manifestanti per coordinarli, caricandola a forza sulla loro auto e allontanandosi a velocità. Al momento, non c'è alcuna notizia sulla sorte dell' attivista, come del resto è ancora avvolta nel mistero quella del primo cittadino.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha riferito di aver chiesto a Emmanuel Macron e Olaf Scholz di mediare con Vladimir Putin per la sua liberazione, ma allo stesso tempo ha avvisato che Fedorov potrebbe essere torturato dagli «occupanti» per spingerlo a registrare un video in loro sostegno, dopo che era stato sequestrato per non aver accettato di ammainare la bandiera. «Gli abitanti di Melitopol si sono riuniti per protestare contro il tentativo di mettere la città in ginocchio. Più di duemila persone sono scese in piazza per protestare contro l'occupazione. Ringrazio tutti i residenti di Melitopol per questa resistenza», ha detto Zelensky. «Gli invasori - ha avvertito - devono capire che non saranno mai accettati».


Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Marzo 2022, 20:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA