Rapine e coltellate allo skatepark e a scuola: in manette due giovani


Giravano tra i coetanei cercando un solo particolare: le collanine d’oro. E per strapparle alle loro vittime non esitavano a impugnare i coltelli e a ferire. Lo hanno fatto due volte: due rapine, due ragazzi feriti da coltellate, seppur in modo lieve. La serie di aggressioni, avvenute lo scorso marzo, è stata interrotta dai carabinieri della compagnia di Porta Monforte, che hanno arrestato due giovani: sono due rapinatori nordafricani di 19 e 22 anni. Entrambi hanno precedenti: il 19enne, egiziano irregolare, per altre rapine, l’altro, tunisino anche lui irregolare, per rapina, furto, danneggiamento, spaccio.

Il primo assalto ricostruito dai militari risale allo scorso 14 marzo, allo skatepark nel parco Oreste del Buono. In quell’occasione i due hanno avvicinato una coppia di ragazzi 20enni che si stavano allenando con gli skateboard, poi uno ha strappato la collanina d’oro dal collo di uno skater e sono fuggiti. La vittima li ha raggiunti, ma è stato colpito due volte alla scapola con un coltellino: è stato portato in ambulanza al San Raffaele, in codice giallo. Due settimane dopo un’altra aggressione.

Il 28 marzo i due magrebini erano davanti al liceo scientifico Einstein, a Calvairate, in cerca di vittime. E l’hanno trovata in uno studente di 17 anni. Anche in questo caso lo hanno avvicinato con una scusa. Poi rapidi gli hanno strappato la catenina e implacabili lo hanno colpito con un coltellino tascabile a una gamba e all’addome. Portato in ospedale, lo studente ha ricevuto una prognosi di 35 giorni. Le testimonianze, l’analisi dei filmati delle telecamere di sicurezza e i riconoscimenti fotografici hanno permesso agli investigatori dell’Arma di individuare i due ragazzi nordafricani e arrestarli per rapina e lesioni.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 4 Agosto 2022, 06:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA