Coronavirus, sospetti malati "presi" nelle loro case