I fenicotteri rosa "invadono" il lago Trasimeno: e non sono i famosi materassini

Sette giovani esemplari di fenicotteri rosa dagli inizi di settembre stazionano nell'area naturalistica compresa tra San Feliciano e Sant'Arcangelo, sul Lago Trasimeno. Un fenomeno del tutto inedito, secondo quanto osservano gli ornitologi del posto, abituati ormai ai loro incontri quotidiani con questi eleganti volatili. «È del tutto normale - spiega Maddalena Chiappini, della cooperativa L'Alzavola - che nella loro migrazione tra le coste sarde e della Toscana dove svernano, e il delta del Po e le saline di Cervia, dove nidificano, i fenicotteri si fermino al Trasimeno. È strano però che ci rimangano così a lungo, considerato che sul lago non è presente l'Artemisia Salina, il gamberetto di cui questa specie si nutre e che conferisce loro il caratteristico colore rosa del piumaggio, ma che però vive solo in acque salate».

Cosa trattiene dunque questi sette giovani fenicotteri al Trasimeno? «Non abbiamo certezze - risponde Chiappini - ma l'ipotesi più verosimile è che in questo anno abbiano trovato un lago molto basso e quindi zone dove si concentrano maggiori sostanze nutritive. Non a caso l'area prediletta è quella nei pressi del centro visite dell'Oasi La Valle, dove il livello non supera i dieci centimetri. Acque ricche in particolar modo di larve di chironomidi, di cui probabilmente questi fenicotteri si stanno nutrendo». L'ipotesi degli esperti è che l'estate particolarmente siccitosa abbia creato al Trasimeno condizioni ambientali nuove, capaci di attrarre specie diverse da quelle abituali.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Terremoto in Grecia, scossa di 5.3 ad Atene: panico, gente in strada e blackout. «Gli oggetti tremano» VIDEO
Preso a bastonate e soffocato: 57enne ucciso nella notte da due donne. «Lo abbiamo fatto per difenderci». Sono state arrestate
Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore, vacanze insieme col figlio Nathan Falco
Million Day, estrazione e numeri vincenti di oggi venerdì 19 luglio 2019
Marchini: «Con la cucina che conquista ho rimorchiato mia moglie»