Rinascente, una mostra a Palazzo Reale racconta i 100 anni di storia

Non chiamatela grande magazzino: la Rinascente ha segnato la storia, il costume e il design di Milano e dell'Italia. È questo che celebra la mostra Lr100. Rinascente Stories of innovation, a Palazzo Reale per festeggiare il centenario dello store. A partire dal geniale nome Rnascente coniato nel 1917 da Gabriele D'Annunzio su commissione del senatore Borletti che quell'anno acquistò i grandi magazzini Bocconi, con un grande progetto di rilancio. Ne uscì un modello di vendita nuovo per la Milano dell'epoca, che contribuì a sviluppare gusti, mode e tendenze. 

La mostra parte dal 1865 e arriva a oggi passando per gli oggetti di design premiati con il Compasso d'oro dal 1954 al 1964, la strepitosa cartellonistica di Marcello Dudovich, il cinema, il costume e la rivoluzione del pret-à-porter. La Rinascente seppe innovare e sperimentare, chiamando a sé i più grandi architetti, grafici e stylist. A partire da Giorgio Armani che lavorò come vetrinista. «Il protagonista non è l'artista, ma Milano e l'Italia che nel Novecento diventano patria del bello e del made in Italy», ha spiegato Maria Canella, curatrice dell'esposizione assieme a Sandrina Bandera, entrambe storiche dell'arte e del costume. In mostra anche opere di Depero, Munari, Melotti, Fontana, Rotella, Pistoletto Soldati, Warhol e Manzoni.

La Rinascente arrivava a tutti, ma aveva a monte delle figure di intellettuali che dettavano il gusto e si proponevano di cambiare gli italiani ha sottolineato Bandera - a partire dai valori che D'Annunzio ha collegato: semplice, chiaro e opportuno nell'affidare questo nome al grande magazzino».

Anche al Max di Chiasso una mostra celebra La Rinascente attraverso la grafica con oltre 500 manifesti, cartoline, locandine.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Consigliere leghista contro Emma Marrone: «Aprire i porti? Apri le gambe, e fatti pagare»
Dj si addormenta con il figlio di 8 mesi in braccio e muore nel sonno: ucciso da un mix di droga e alcol
Figlia ambasciatore Corea del Nord rimpatriata, Pyongyang: nessun caso, odiava il padre
Ragazzina suicida a 16 anni, si è sparata con una pistola. Genitori sconvolti, era sola in casa
Chiara Ferragni e la borsa di coccodrillo, il web insorge: «Hai le mani sporche di sangue»