Aveva definito Belen «viado» e «strega»: condannata Nina Moric Dovrà pagare duemila euro. Per la Rodriguez, tanti guai e rivali

Donatella Aragozzini
Belen batte Nina in tribunale. Finisce con una sentenza a favore della Rodriguez la querelle tra la showgirl argentina e la Moric, che per le offese nei confronti dell'ex fidanzata del padre di suo figlio, Fabrizio Corona, è stata condannata ieri a un risarcimento danni di 2000 euro e a 600 euro di multa. I fatti risalgono al settembre 2015, quando, ai microfoni della trasmissione radiofonica La Zanzara, la modella croata ha definito «viado» e «strega cattiva» la soubrette di Buenos Aires, accusandola di girare «nuda» per casa davanti al figlio.
Se le due protagoniste fossero state altre, forse la cosa sarebbe finita lì. Trattandosi però di due donne dal carattere fumantino, e abituate da sempre a stare al centro delle cronache mondane, la questione è arrivata in tribunale, con un'accusa di diffamazione aggravata e la richiesta di 20.000 euro di risarcimento da parte di Belen (con la promessa di dare in beneficenza i soldi) per «salvaguardare la dignità di una madre». Alla Moric, che sperava nell'assoluzione (il suo legale ha sottolineato che gli epiteti sono stati pronunciati in una trasmissione «paragonabile a un'arena o a uno stadio, in cui vengono consentiti ai tifosi slogan e cori anche offensivi purché non siano di stampo razzista»), sarebbe insomma potuto andare anche peggio se il giudice monocratico della decima sezione penale del Tribunale milanese non le avesse concesso le attenuanti generiche, escludendo l'aggravante del fatto determinato. «Alla radio ho parlato solo di quello che mi raccontava mio figlio, ovvero che Belen girava nuda per casa», si è difesa l'imputata nel suo interrogatorio, aggiungendo: «Anche lei mi ha diffamato scrivendo sui social che io sono psicopatica e squilibrata e ha giudicato il mio ruolo di madre, una cosa che io non farei mai, ma non l'ho mai querelata».
Non è la prima volta che la showgirl argentina finisce sui giornali per questioni che ben poco hanno a che vedere con la sua carriera professionale, dal filmino hot diffuso da un suo vecchio ex alle sfuriate contro i paparazzi, dallo scontro via social con Selvaggia Lucarelli (rea di aver criticato sua sorella) alle risposte stizzite al Maurizio Costanzo Show. Almeno, però, questa volta le hanno dato ragione.
riproduzione riservata ®

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Morto Stan Lee, papà dei supereroi Marvel. Inventò Spider Man, X-Men e i Fantastici 4
Salvini difende gli arbitri: «In Milan-Juve un vaffa ci può stare. Nei campi di periferia 300 direttori di gara sono finiti all'ospedale»
La laurea, il master e poi il “mal di vivere”: si uccide a 31 anni, trovata dai genitori
Sesso sulla panchina davanti a tutti: amanti focosi arrestati. Lui ha 29 anni, lei 23
Grande Fratello Vip 2018, diretta decima puntata: le Donatella contro Cecchi Paone «fatti un bagno di umilità»