Tony e Tina, fermato il figlio della vedova del boss: «Ha staccato un orecchio a morsi al rivale in amore»

GUARDA IL VIDEO

Sua madre è balzata agli onori delle cronache per il suo matrimonio, lui adesso fa lo stesso ma per altre dinamiche: il protagonista della vicenda è Crescenzo Marino, un giovane di 23 anni, figlio del defunto boss Gaetano Marino (ucciso ad agosto 2012 a Terracina) e di Tina Rispoli, la vedova che si è recentemente risposata con il cantante neomelodico Tony Colombo.

Parla Tony Colombo: «Il sindaco di Napoli? Doveva sposarci lui. Aspettiamo un figlio»

Crescenzo Marino è finito nei guai con la giustizia, e fermato dalla polizia, per aver aggredito un ragazzo, suo rivale in amore: secondo l'accusa gli avrebbe addirittura staccato a morsi un orecchio. Il giovane avrebbe scoperto dei messaggi scambiati da un rivale in amore di 25 anni con la sua ragazza e lo avrebbe atteso in strada per il 'chiarimento: l'accusa è di lesioni personali gravi, formulata dal magistrato della Procura di Napoli Nord.

Nozze trash a Napoli, 5 agenti della penitenziaria tra i musicisti: suonavano la tromba​

Il matrimonio tra Tony Colombo e Tina Rispoli, la mamma del giovane arrestato, finì alla ribalta per lo sfarzoso corteo che si snodò nel quartiere di Secondigliano e nei pressi del Maschio Angioino, a Napoli e per il concerto che precedette le nozze in piazza del Plebiscito. Per giorni si è parlato delle loro nozze, proprio per via dello sfarzo forse eccessivo: oggi la famiglia torna sui giornali, ma per motivi ben meno nobili.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Uomo di 43 anni ucciso dal nuovo compagno della ex: morto nel cortile della donna
Bambino morto a due anni: «Leonardo è stato picchiato, corpo martoriato». Fermati mamma incinta e compagno
Mercatone Uno fallita, choc per 1800 dipendenti: lo hanno scoperto su Facebook. Nella notte sbarrati 55 punti vendita
Mamma e figlia di 18 anni morte in un incidente. Camilla scriveva: «Difficile tener testa a Donne che la testa la usano»
Vannini, nuovi elementi scagionano Ciontoli: «È stato suo figlio». Ma è scontro tra testimoni