Lo sposo scappa con i soldi delle buste: scoppia la rissa al matrimonio

Non voleva forse dividere quei soldi con la sposina, e ha deciso di fare di testa sua: protagonista di un matrimonio a dir poco movimentato, un militare originario di Roma, che durante il suo banchetto nuziale ha pensato bene di allontanarsi e spendere un po’ del denaro delle ‘buste’ che gli invitati avevano regalato ai neo-coniugi.

Tina Cipollari perde le staffe: furiosa al telefono per strada

È successo a Cappella Nuova, vicino a Trecase, in provincia di Napoli. Della sua sospetta assenza si sono ovviamente accorti sia la famiglia, sia la stessa sposa, una ragazza di Torre del Greco: così quando dopo qualche ora è tornato al ristorante, con il ricevimento ancora in corso (e trattandosi di un matrimonio del sud, non poteva essere altrimenti), lo sposo è stato aggredito dallo zio della moglie, che lo ha accusato di aver rubato i soldi dei regali.

Assiste il figlio malato, i colleghi le regalano le ferie. La generosità che (purtroppo) fa notizia

Dal canto suo l’uomo non si è tenuto l’offesa ed ha risposto, venendo alle mani con il parente acquisito: per separarli sono intervenuti ovviamente familiari ed altri invitati, un vero e proprio parapiglia, sedato solo dall’intervento della polizia, che ha denunciato entrambi. Ad avere la peggio nell’aggressione è stato proprio lo sposo, che è rimasto ferito: per lui 3 giorni di prognosi e la consapevolezza di essere stato troppo impaziente. Per spendere quei soldi, poteva anche aspettare il giorno dopo.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Casa in fiamme all'alba, morto un uomo di 48 anni: palazzo evacuato
Meteo, in arrivo ondata di caldo più forte di quella del 2003. Ecco le previsioni
Temptation Island 2019, Jessica e Andrea dovevano sposarsi, finisce malissimo: «Mi fai schifo»
Morgan sfrattato da casa urla contro la polizia: «Questa non è giustizia»
Le mani della 'Ndrangheta sull'Emilia Romagna, arrestato presidente consiglio comunale Piacenza di Fratelli d'Italia. Giorgia Meloni «Sospeso dal partito»