Roma, per salire sul bus Atac servirà l'ok del "contapersone"

Personale “containgressi” sui mezzi pubblici e segnaletica a terra sia alle fermate che su bus e vagoni della metro per indicare la distanza da mantenere. 
Sono le ipotesi emerse ieri durante una riunione in Campidoglio sul trasporto pubblico in vista della “Fase 2” dell’emergenza e di una progressiva riapertura delle attività in città. 
C’è la necessità di contingentare le presenze sui mezzi per mantenere la distanza droplet: per questo i passeggeri su metro e bus saranno limitati e probabilmente continueranno a salire dalla porta anteriore, misura in atto e varata proprio per l’emergenza coronavirus. Sulle linee a più alta affluenza, quelle centrali e quelle che attraversano vie periferiche importanti, si è pensato all’ipotesi di personale “containgressi” (simile al vecchio “bigliettaio”): ovvero dipendenti Atac che conteranno gli ingressi e le uscite dei passeggeri all’interno degli autobus. 
Previsto anche l’uso di una segnaletica particolare a terra sulle banchine, dentro i vagoni della metro e sui mezzi di superficie, che indichi ai passeggeri la giusta distanza da tenere. Se i passeggeri avranno mascherine e guanti lo deciderà probabilmente il Governo nazionale. Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Grande Fratello Vip, terza puntata: Tommaso Eletti e Davide Silvestri in nomination
Il clan Casamonica è mafia: condannati 44 tra capi e affiliati. Zingaretti: «Sentenza storica»
Pfizer-BioNTech: il vaccino ai bambini tra i 5 e gli 11 anni «è sicuro e funziona». Gli effetti collaterali
Roma, gruppo di cinghiali invade la via Trionfale in pieno giorno: cittadini terrorizzati
Bollettino Covid di lunedì 20 settembre: 44 morti e 2.407 nuovi positivi. Su i ricoveri, giù le terapie intensive