Roma, per salire sul bus Atac servirà l'ok del "contapersone"

Personale “containgressi” sui mezzi pubblici e segnaletica a terra sia alle fermate che su bus e vagoni della metro per indicare la distanza da mantenere. 
Sono le ipotesi emerse ieri durante una riunione in Campidoglio sul trasporto pubblico in vista della “Fase 2” dell’emergenza e di una progressiva riapertura delle attività in città. 
C’è la necessità di contingentare le presenze sui mezzi per mantenere la distanza droplet: per questo i passeggeri su metro e bus saranno limitati e probabilmente continueranno a salire dalla porta anteriore, misura in atto e varata proprio per l’emergenza coronavirus. Sulle linee a più alta affluenza, quelle centrali e quelle che attraversano vie periferiche importanti, si è pensato all’ipotesi di personale “containgressi” (simile al vecchio “bigliettaio”): ovvero dipendenti Atac che conteranno gli ingressi e le uscite dei passeggeri all’interno degli autobus. 
Previsto anche l’uso di una segnaletica particolare a terra sulle banchine, dentro i vagoni della metro e sui mezzi di superficie, che indichi ai passeggeri la giusta distanza da tenere. Se i passeggeri avranno mascherine e guanti lo deciderà probabilmente il Governo nazionale.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Coronavirus in Italia, il bollettino di lunedì 30 novembre: 672 morti e 16.377 casi. È il dato più basso dal 22 ottobre
Lotteria degli scontrini, si parte da domani: come fare per registrarsi e partecipare alle estrazioni
Striscia la Notizia, Ficarra e Picone a sorpresa annunciano l'addio: «Dopo 15 anni non è facile»
Oroscopo di Paolo Fox, la classifica della settimana: Pesci fanalino di coda, ecco chi è sul podio
Million Day, i numeri vincenti di oggi lunedì 30 novembre 2020