Bimbo violento a 9 anni, calci e pugni al papà. "Non lo controllo"
di Domenico Zurlo

Bimbo violento a 9 anni, calci e pugni al papà.
"Ti do fuoco nel sonno". L'incubo in casa -Foto

Ad appena 9 anni, è già un baby criminale: nulla di particolarmente efferato ovviamente, ma il piccolo Jack, di Bridgend, Galles, è un bambino violento e problematico. Talmente tanto violento che i suoi capricci gli fanno costantemente rischiare l’arresto, soprattutto ora che è a pochi mesi dal suo 10° compleanno, e di conseguenza vicino all’età della responsabilità penale nel Regno Unito.

La sua storia l’ha raccontata Wales Online, citata dal Mirror, ed è stata ripresa da un documentario tv su Channel 5 che parla proprio di bambini problematici, che costituiscono un rischio per i loro genitori. A suo padre http://www.mirror.co.uk/news/uk-news/violent-schoolboy-aged-9-out-7349044?ICID=FB_mirror_main, ex soldato e ora cuoco in una scuola, non è bastata la preparazione militare per riuscire ad affrontare con efficacia la questione: soprattutto quando si è ritrovato in casa un figlioletto che lo minacciava di bruciarlo vivo nel sonno.
 

Quando le telecamere di Channel 5 (il documentario si chiama Violent Children and Desperate Parents), sono entrate nella loro casa, la terapista infantile Mandy Saligari si è trovata davanti ad una scena raccapricciante: il piccolo Jack stava infatti aggredendo suo padre con pugni, calci, sputi e insulti. Trattamento riservato anche alla stessa terapista, che rivolgendosi a Damien ha chiesto: “Tuo figlio è mai stato arrestato? Perché è questa la strada verso cui sta andando…”.

Isis, l'ultimo video choc: 'Jihadi junior', 4 anni, fa esplodere un'auto

Jack ha ovviamente problemi anche a scuola, dove è stato espulso per aver picchiato un bambino più piccolo. “Non riesco più a controllarlo - le parole del papà disperato - in alcuni giorni è un incubo. Mi prende a calci, distrugge la casa, mi fa del male, e riesce ad andare avanti così per tutto il giorno”. Nel documentario, Mandy prova a risolvere parzialmente il problema cercando di costruire un rapporto tra padre e figlio: tra dialoghi e gite in campagna. Se la terapia funzionerà, sarà solo il futuro a dirlo.
Giovedì 11 Febbraio 2016 - Ultimo aggiornamento: 15:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-02-11 17:13:53
Ma qualche sano sculaccione?
2016-02-11 16:20:45
cosa gli hanno dato da mangiare nello svezzamento? pane e diavolina?!?!?!
DALLA HOME