Tarquinia prepara il piano sicurezza per l'estate, confermata app e vigilanza per le spiagge libere
di Luca Telli

Tarquinia prepara il piano sicurezza per l'estate, confermata app e vigilanza per le spiagge libere

Tarquinia prepara il piano sicurezza, entro la fine della settimana sarà presentato il progetto per ottenere i fondi messi a disposizione della Regione Lazio destinati, con una delibera di giunta dello scorso aprile, ai comuni del litorale con l’obiettivo di sostenere «le spese necessarie per garantire l’accesso al mare senza rischi per un’estate all’insegna del turismo sicuro e accessibile a tutti», e contrastare gli effetti della pandemia.

 Un piano, quello promosso dagli assessori al turismo e allo sviluppo economico Corrado e Orneli, che si discosta solo in parte nella forma da quello emergenziale messo in piedi lo scorso anno «ma diversamente dal quale– spiega l’assessore al turismo Martina Tosoni – quando i finanziamenti erano arrivati in maniera pressoché diretta sarà necessario presentare un progetto dettagliato, più un pro forma comunque che altro».

A cambiare, soprattutto, è la sostanza: l’importo cioè destinato a ognuno dei 21 comuni costieri del litorale. Nella delibera regionale infatti è stato previsto un abbassamento del piano di sostegno da 6 a 3 milioni di euro, ripartiti secondo criteri di popolazione e lunghezza dell’arenile e che, in ogni caso, non potrà essere inferiore ai 50mila euro per Comune, l’erogazione dei quali sarà gestita da Lazio Innova in due tranche; anticipo pari al 40% e  saldo pari al 60% del contributo riconosciuto, con il vincolo che realizzazione e rendicontazione degli interventi ammessi si dovranno concludere entro il 30 settembre 2021.

Nel dettaglio Tarquinia, con una popolazione di 16mila abitanti e 21km di costa, avrà a disposizione 164,992 mila euro contro i 327 mila del 2020. «Una riduzione significativa – continua Tosoni – che comunque non cambierà il modello e il livello di sicurezza della scorsa estate». Confermata la app per la prenotazione nelle spiagge libere, il servizio di sicurezza all’ingresso dei 7 punti di accesso tra marina velca e Sant’Agostino, e quello di vigilanza lungo l’arenile.

 «Per riuscire a garantire il controllo su tutta l’area stiamo lavorando a una sinergia con la protezione civile – continua -. Inoltre allo studio ci sono nuove collaborazioni». Tra le novità del progetto la presenza di bagnini per ognuna delle spiagge liberr «un piano di salvamento e sorveglianza del litorale necessario e per il quale saranno a disposizione strumentazioni e una postazione fissa di controllo». La data che sembra più vicina per l’inizio del servizio è quella che ruota intorno alla seconda settimana di giugno, «ci prepariamo da mesi – conclude Tosoni – mancano solo i dettagli e l’approvazione definitiva da parte della Regione. Il Comune, da parte sua, sta lavorando a un’implementazione dei servizi».

 Un’ anticipazione di quello che sarà nei mesi di luglio e agosto si è già avuto nel weekend del primo maggio e in quello appena trascorso. «Numeri che eravamo abituati a vedere solo nelle settimane clou dell’estate – conclude Tosoni -. Il nostro compito è quello di garantire il massimo livello di sicurezza a residenti e turisti che hanno deciso di scegliere il nostro mare».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Maggio 2021, 21:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA