Trieste, linea dura contro i No Pass. Il prefetto: «Ora comprimere libertà di manifestare»

Video

(LaPresse) "È del tutto evidente che l'aumento dei contagi sia strettamente legato ai cortei che si sono svolti in città. Dobbiamo pensare a interventi da mettere in campo proprio alla luce di quello che abbiamo visto. Per me in questo momento prevale il diritto alla salute, e dobbiamo trovare forme per non reprimere il diritto alla libera manifestazione, ma quanto meno comprimerlo". Lo ha detto il prefetto di Trieste, Valerio Valenti, in conferenza stampa facendo il punto sulla difficile situazione dell'aumento dei contagi in città e nella Regione. "Non si tratta di scegliere tra manifestazioni statiche o dinamiche, occorre innanzitutto prevedere la possibilità di adottare provvedimenti che anticipino, almeno per quanto riguarda cortei e menifestazioni le misure da zona gialla, l'obbligo di mascherine e distanziamento. Oltretutto abbiamo visto che molte di queste persone vengono da fuori, e ci infettano. E non possiamo permettere che tante persone continuino a sfidare il virus, ammalarsi e diffonderlo. Dobbiamo individuare delle sanzioni particolarmente dure per gli organizzatori di manifestazioni in cui non vengono usate le mascherine. Altrimenti il rischio è quello di arrivare in fretta alla zona gialla. Firmerò ora un provvedimento in cui aggiungeremo piazza Unità d'Italia ai luoghi interdetti alle manifestazioni, almeno fino al 31 dicembre". DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Novembre 2021, 15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA