Video

Putin cita il Vangelo: «Non c'è amore più grande che dare l'anima per gli amici». L'ira della Chiesa VIDEO

«Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici»: a pronunciare queste parole è Gesù nel Vangelo di Giovanni (capitolo 15, versetto 13). Vladimir Putin cita questo passo, osannato allo stadio Luzhniki di Mosca, per celebrare l'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea alla Russia. «Una bestemmia», commenta senza giri di parole il teologo e arcivescovo italiano, monsignor Bruno Forte. E anche il direttore de La Civiltà Cattolica, il gesuita padre Antonio Spadaro, sottolinea: «La politica non deve usurpare il linguaggio di Gesù per giustificare l'odio. La retorica religiosa del potere e della violenza è blasfema».

 

Il manager italiano a Mosca: «Ma quale dittatura, qui si vive benissimo. Putin? Lo voterò»

 

Citare il Vangelo «è certamente un atto sacrilego», «Putin non riesce più a trovare argomenti per giustificare questa follia, una aggressione ingiustificata e totalmente immorale», «è un'autentica bestemmia», dice monsignor Forte, teologo e arcivescovo di Chieti. È «una strumentalizzazione del Vangelo finalizzata ad una autogiustificazione. Mostra tutta la debolezza profonda di Putin che non riesce più a trovare argomenti per giustificare questa follia di una aggressione ingiustificata e totalmente immorale».

 

Putin, ovazione allo stadio. Ma il discorso si interrompe: ecco perché

 

Il teologo e arcivescovo italiano, facendosi portavoce di un sentimento che attraversa la Chiesa, sottolinea ancora: «Le vittime innocenti che stanno morendo per colpa di questa aggressione certamente non possono essere giustificate con parole evangeliche che dicono l'opposto, l'amore per gli altri e l'amore perfino per i nemici». Per monsignor Forte, Putin, con questa citazione, aggiunge «alle gravissime colpe di cui si sta macchiando quella di una autentica bestemmia: usare Dio per giustificare il male compiuto tocca il vertice dell'immoralità e perfino della follia».

 

Il versetto del Vangelo di Giovanni citato oggi dal presidente russo era scolpito sulla tomba di padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia il 15 settembre del 1993. «Queste parole di Gesù, scritte sulla tomba di don Puglisi, ricordano a tutti che dare la vita è stato il segreto della sua vittoria, il segreto di una vita bella», aveva commentato Papa Francesco, che ha voluto proclamare il sacerdote Beato, nella sua visita a Palermo il 15 settembre del 2018, a 25 anni dal martirio del prete che lottò contro la criminalità organizzata. 

 

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Marzo 2022, 18:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA