Ranitidina, Aifa dispone divieto di utilizzo per Buscopan e Zantac

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha disposto il ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutti i lotti di medicinali contenenti il principio attivo ranitidina prodotto presso l’officina farmaceutica SARACA LABORATORIES LTD - India. Per quanto riguarda il Buscopan Antiacido, invece, è stato disposto il divieto di utilizzo. Il motivo è la presenza, in alcuni di questi lotti, di un’impurezza denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine, già rilevata nel 2018 in una classe di farmaci anti-ipertensivi (sartani). In questi casi le autorità sanitarie operano secondo il principio di precauzione, che prevede di ridurre al minimo i rischi per il paziente, limitando l’esposizione alla sostanza potenzialmente dannosa. A scopo precauzionale, l’AIFA ha anche disposto il divieto di utilizzo di tutti i lotti commercializzati in Italia di medicinali contenenti ranitidina prodotta da altre officine farmaceutiche diverse da SARACA LABORATORIES LTD, in attesa che vengano analizzati.

La precisazione del 25 settembre. 
Riceviamo e pubblichiamo dall'ufficio stampa Sanofi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la seguente precisazione dall'ufficio stampa di Sanofi

Analogamente a quanto effettuato dalle autorità regolatorie degli altri diversi Paesi, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha disposto a scopo precauzionale il ritiro di alcuni prodotti contenenti ranitidina proventienti da un determinato produttore. Sempre a scopo precauzionale ha disposto il divieto di utilizzo di altri prodotti con lo stesso principio attivo ma di un diverso produttore, tra cui Buscopan Antiacido di Sanofi.
 
Nell’attesa di ricevere l’esito di analisi più approfondite, Sanofi precisa che Buscopan Antiacido non è oggetto di disposizione di ritiro di lotti da parte di AIFA e che è l’unico prodotto dell’azienda della gamma Buscopan potenzialmente implicato. Sanofi ha a cuore la salute di pazienti e consumatori e sta comunicando a tutti i propri clienti il divieto di utilizzo di Buscopan Antiacido.
 
Come indicato da AIFA, Sanofi invita i cittadini in trattamento con un prodotto a base di ranitidina a rivolgersi al proprio medico curante che potrà fornire le informazioni necessarie.
 
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di AIFA al link https://www.aifa.gov.it/revisione-ranitidina