Brescia, blitz antidroga: in manette 14 persone

Un blitz della polizia di Brescia ha portato all'esecuzione di numerose misure cautelari nei confronti di 14 persone di origine tunisina (5 in custodia cautelare in carcere e 9 con divieto di dimora nel comune di Brescia), gravemente indiziate, a vario titolo, di traffico di stupefacenti, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Gli investigatori hanno individuato due importanti spacciatori, acquirenti del gruppo di tunisini: il primo, soprannominato 'La bestia', si è recato a Brescia per acquistare stupefacenti, dopo essersi preventivamente accordato con la banda. Il secondo acquirente veniva soprannominato dal gruppo di spacciatori 'Il bambino', a causa del fatto che si lamentava spesso della qualità della droga che acquistava, tanto da chiedere più volte il rimborso di quanto pagato per la sostanza. L’attività investigativa ha preso spunto da un grave episodio criminoso, avvenuto il 25 settembre 2018, quando un cittadino tunisino, pregiudicato per traffico di sostanze stupefacenti, fu ucciso con un colpo di arma da fuoco. (LaPresse) 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Luglio 2020, 13:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA