La Sabina scommette sul cammino di San Francesco per attrarre nuovi turisti
di Morena Izzo

La Sabina scommette sul cammino di San Francesco per attrarre nuovi turisti

Il comune di Montelibretti scommette sulla grandezza spirituale di San Francesco per rilanciare il turismo. La località della Sabina. tra le colline di ulivi, è toccata dal cammino lungo 500 chilometri - parte della cosiddetta via Francigena - che parte dal santuario de La Verna in Tosacana, dove il Santo di Assisi avrebbe ricevuto le stimmate, fino ad arrivare alla Basilica di San Pietro a Roma. Un itinerario che unisce appunto Toscana, Umbria e Lazio, passando per la città di Assisi, dove si trova il corpo del religioso nato attorno al 1181, attraversando tutta la Valle Santa di Rieti e la Sabina.


Nel territorio di Montelibretti si snodano 11 chilometri della via di San Francesco e il Comune prosegue senza sosta la promozione culturale e turistica del percorso, che non ha subito una diminuzione di pellegrini neanche durante la pandemia. Anzi, le strutture ricettive che si trovano lungo la via Francigena confermano un incremento delle presenze. «Negli ultimi anni - spiega il vicesindaco Giuseppe Gioia, assessore alla Cultura e delegato per l’accordo di programma - abbiamo lavorato molto per riqualificare e valorizzare il tratto della via Francigena, che lambisce il centro storico e passa nel centro urbano. Dieci chilometri in cui i pellegrini possono perdersi tra i nostri ulivi secolari, la storia millenaria delle nostre campagne, il nostro borgo, le chiese e i monumenti». Ora si tenetrà di irrobustire la presenza sui siti internet di tutta Italia e del modo: Francesco, con tutto il mondo spirituale che rappresenta, è potente.
Manifestazioni, eventi culturali e degustazioni contribuiscono a promuovere il tragitto e allo stesso tempo a far conoscere i prodotti tipici del territorio, che vanno dall’olio della Sabina, al pane, formaggi e salumi con pranzi tipici con la bruschetta e i fritti vegetali, come avviene con “Sapori in cammino”, un evento che si svolge a ottobre. «L’epidemia - prosegue il vicesindaco Gioia - ci ha costretti a sospendere alcune manifestazioni, ma prosegue la promozione della via di Francesco, grande punto di riferimento dei fedeli. Il 16 dicembre abbiamo inaugurato la piazzetta “San Francesco d’Assisi” in via Vignacce».


Una luogo proprio lungo il cammino. Molti i simboli di fede sul percorso a Montelibretti, dove ci sono anche la Pietra del Pellegrino e una statuina del Santo, davanti alla quale si fermano a pregare i fedeli. La Regione proprio ieri ha stanziato 20 mila euro per la via Francigena a Montelibretti. Soddisfatto il sindaco, Luca Branciani. «Siamo al lavoro - spiega il primo cittadino - per la promozione e valorizzazione del cammino da un punto di vista culturale e turistico». Un progetto che abbraccia anche i comuni dell’area con i quali c’è un accordo. «Montelibretti crede nel turismo lento - conclude il vicesindaco - e vuole investire in questo cammino che può rappresentare una grandissima opportunità per la nostra cittadina».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 5 Gennaio 2021, 16:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA