Ryanair prevede di tagliare 3.000 posti di lavoro: «Due anni per tornare alla normalità»

A causa della pandemia di Coronavirus ci potrebbero volere almeno due anni perché la domanda dei passeggeri torni alla normalità e così Ryanair potrebbe tagliare 3mila posti di lavoro. I tagli riguarderebbero principalmente piloti e personale di bordo. La compagnia aerea valuta inoltre riduzioni salariali fino al 20% e la chiusura di una serie di basi in Europa fino al recupero del traffico.

LEGGI ANCHE Coronavirus, la denuncia dei passeggeri: «Ryanair non rimborsa i biglietti aerei già acquistati»

L'amministratore delegato del gruppo Michael O'Leary, che si era ridotto la retribuzione del 50% per aprile e maggio, ha deciso di estendere questa riduzione per l'intero esercizio finanziario, fino a marzo 2021. Ryanair ha anche annunciato lo stop del 99% dei suoi voli fino a luglio e ha dichiarato di aver avviato negoziati con Boeing per ridurre il numero di consegne di aeromobili nei prossimi 24 mesi, spiegando che il numero di passeggeri del primo trimestre è stato inferiore del 99,5% alle previsioni di 42,4 milioni di passeggeri, attestandosi su meno di 150.000.

LEGGI ANCHE Coronavirus: O'Leary, patron di Ryanair: «Posti vuoti idea idiota, se è così non torneremo a volare»

Fino a marzo 2021, Ryanair prevede di trasportare meno di 100 milioni di passeggeri, oltre il 35% al ​​di sotto del suo obiettivo originale di 154 milioni. La compagnia aerea ha anche affermato che contesterà nei tribunali europei gli »aiuti di Stato illegali e discriminatori« concessi ad alcune compagnie aeree europee. 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 1 Maggio 2020, 13:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA