Repubblica Ceca: suggestioni d’autunno, nella Valle del Cristallo di Boemia
di Francesca Spanò

Repubblica Ceca: suggestioni d’autunno, nella Valle del Cristallo di Boemia

Le fiabe non sono solo racconti immaginari da leggere, a volte prendono vita in un viaggio appena fuori dai grandi centri, tra sentieri inusuali dove le architetture naturali rivaleggiano con i decori secolari di castelli, borghi e città. La Repubblica Ceca, con la sua ipnotica Praga e la Cristal Valley, è la perfetta destinazione d’autunno di chi vuole innamorarsi del tintinnio del vetro che scintilla tra le mani dei sapienti artigiani, assaggiare una delle tanti birre locali appena spillate, o passeggiare tra spettacolari panorami delle zone “alpine” , in un percorso diverso e meraviglioso. Il nostro tour, lento, attraversa i villaggi tradizionali della Valle del Cristallo di Boemia in un territorio ricco di sfaccettature e, ovviamente, perfetto anche per un ricco bottino di shopping.

Mentre si attraversano luoghi sconosciuti e dalla bellezza insospettabile, la natura mette in scena spettacoli superbi in una tavolozza di sfumature  di campagne e boschi verdeggianti attraversati da corsi d’acqua, stagni pescosi e formazioni di arenaria dipinti dalla lava. E non manca il turismo salutista, che punta allo sport con la possibilità di correre tra dolci pendii, riposare alle terme, spostarsi in bicicletta o sugli sci, seguendo ovviamente il ritmo delle stagioni. Chi sogna, invece, di perdersi tra paesini di stradine lastricate o chilometri di alberi e aria pura alla ricerca dei segreti del vetro, può organizzare un giro nella regione di Liberec.

Un salto veloce a Praga

La vacanza di cultura e bellezza inizia, ovviamente, da Praga che rappresenta una di quelle destinazioni che è impossibile non amare. La capitale ceca ha un centro storico contenuto da girare a piedi per scoprire come i colori disegnano il profilo locale a ogni ora del giorno. Il fiume Vltava l’attraversa per 31 km, ne divide i quartieri e a sud-est è raccolto il cuore cittadino di Stare Mesto (la Città Vecchia), il centro di origine medievale che comprende monumenti emblematici come la torre del Municipio con l’orologio astronomico, il quartiere ebraico, le eleganti vie cittadine e il tratto centrale della cosiddetta Via Reale, l’antico percorso dei cortei di incoronazione tra la Porta delle Polveri e il Castello di Praga. Nove Mesto (la Città Nuova) è antico ma di più moderna concezione con la centralissima Piazza Venceslao fino all’incontro delle due rive del fiume dove si concentra la meraviglia del Ponte Carlo, con le torri medievali e le statue barocche. Da non dimenticare, ancora, la parte del quartiere di Malà Strana (la Città Piccola) che si lega al fiume con l’isola di Kampa tra elementi di barocco e rococò. Per un pasto tipico, si può provare il ristorante Blatnice o U Pinkasu, entrambi centralissimi così come il minimalista ma comodo, Hotel Adria a Piazza Venceslao.

Da Novy Bor alla magia dei Monti Lusiziani

Novy Bor è il primo centro della Regione di Liberec dal quale iniziare una lunga passeggiata a caccia delle meraviglie del vetro. I suoi paesaggi naturali e le foreste, sono perfetti per dedicarsi all’escursionismo ma non solo. In città si trova la Lasvit, nata nel 2007 e famosa in tutto il mondo per le sue sculture e installazioni di cristallo su misura. La sede sorge all'interno case di legno della fine del XVIII secolo e rappresenta un mix di architettura slava e tedesca. L’azienda è tra le più conosciute per la produzione di vetro design e per la presenza di figure specializzate di settore e importanti maestri vetrai. Il progetto più noto è Dragonborn, due enormi sculture di cristallo di Boemia di 40 tonnellate di peso che si trovano all’Imperial Palace di Saipan . Di nuova produzione, poi, è la Casa di cristallo con la sua facciata speciale che ha una funzione decorativa e non portante. Ogni tegola è un pezzo unico e originale di vetro temperato e, ogni venerdì l'azienda apre le porte ai visitatori per una visita guidata dell’azienda, anche in lingua inglese. Tra Boemia e Moravia, al confine con la Germania, spiccano superbi i monti lusiziani incorniciati da un paesaggio verdeggiante e da una formazione rocciosa che è davvero un colpo d’occhio. Panská skála si trova vicino alla città di Kamenický Šenov nella regione di Liberec , nella Boemia settentrionale, e più o meno si può tradurre con “la roccia del Signore". Le sue colonne basaltiche esagonali “a canne" raggiungono i 12 metri e ricordano le Giant's Causeway nell'Irlanda del Nord, ma anche le “canne d’organo” del Madagascar. Un ottimo momento per arrivare è il tramonto, quando la luce crea diverse tinte forti intorno al gigante della natura. Per chi noleggia un’auto per scoprire il meglio del cristallo e, nel frattempo, non vuole perdersi la degustazione delle tipiche birre della regione del Liberec, buona idea può essere quella di mangiare e/o pernottare all’Hotel Kleis a Cviko, con la possibilità di visitare l’annesso birrificio.
 
Nella Valle del Cristallo inseguendo la bellezza

L’itinerario che attraversa la parte di Repubblica Ceca dove le fucine del vetro la fanno da padrone, passa anche da Kunratice u Cvikova, alla volta del quartier generale del Signor Pacinek e la sua incredibile produzione. Già all’esterno si può notare uno splendido giardino di cristallo colorato a indicare che si è pronti ad entrare in un mondo da fiaba, lo stesso che ha immaginato il proprietario da bambino quando visitò la città del vetro Novy Bor, rimanendo profondamente colpito. Oggi collabora con artisti di fama mondiale ed è considerato tra i più importanti vetrai d’arte contemporanea. Con Pacinek Glass produce degli oggetti unici, in una struttura che è un’ex stazione di trattori e stalle in questo piccolo villaggio dove la vita scorre lenta e tranquilla, con vista sul magico glass garden. Nella Cristal Valley, ormai è un nome di punta e molti turisti che ne raggiungono la fabbrica, proseguono il loro giro con un tour (e pranzo) a Lindava, alla Lasvit Ajeto, nella taverna dei vetrai con fucina, sempre legato al brand Lasvit dal 2017. Un’altra fucina molto interessante è quella del sig. Haidl che, insieme al figlio, in una casa privata riproduce repliche di vetro storico. Nello specifico, lavora un vetro tardo medievale che si produceva in Europa nord-occidentale e centrale tra il 1000 e il 1700 circa, aggiungendo ceneri di legno e sabbia. Ha fornito le sue opere a diversi film anche di importante fama. Prima, però, una sosta la merita la Valle della Preghiera o Modlivy Dul, una profonda valle ricoperta di foresta, molto importante per la storia spirituale di Liberec. Si trova immersa nel verde foresta dietro un massiccio roccioso a Svojkov pod Slavíčkem. I lati del canyon sono delimitati da ripide rocce di arenaria ed è nota come pellegrinaggio mariano.
 

Strade panoramiche, boschi e funivie

Se chi intraprende un viaggio spirituale in Repubblica Ceca, dovrebbe non perdere la Basilica di Hejnice con il suo incredibile lampadario di cristallo (magari dormendo proprio all’interno del monastero), una destinazione imperdibile per tutti è sicuramente il Monte Jested, da raggiungere in funivia prendendo il tram dalla città di Liberec (con il suo incredibile municipio, da segnare tra le cose da vedere). Ci si trova di fronte a una struttura che sembra una nave spaziale ed è uno dei simboli di questa terra. Al suo interno ci sono un ristorante, un albergo e un trasmettitore televisivo: il tutto con un panorama mozzafiato dei Monti Iser. Seguendo la strada panoramica dei Monti Jizerske, altri due indirizzi da segnare sono l’azienda Rautis a Poniklà che produce addobbi natalizi con perline (e organizza quotidianamente corsi a tema) tutto l’anno e la Vetreria Novosad considerata la più antica della Boemia. La giornata può concludersi puntando al benessere, altro must in Repubblica Ceca. Si può, infatti, prevedere una passeggiata nel Parco Nazionale dei Monti dei Giganti, verso la Cascata di Mumlava e fermarsi per la notte al Wellness Hotel Orea Sklar, non dimenticando di regalarsi un attimo di relax con un bagno in piscina.

Il Museo del Vetro e dei gioielli

Non si può terminare il giro nella Cristal Valley senza scoprire questa meraviglia che sorge a Jablonec nad nisou. Tra perle, collezioni in vetro, la storia del gioiello e la collana di perline più grande al mondo, la vista scopre capolavori dell’arte indiscussi. All’interno c’è anche la Triennale 2020, la più grande rassegna delle opere in vetro e in cristallo contemporanee della Repubblica Ceca.
 



 
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Ottobre 2020, 09:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA