Papa Francesco: «Sospendere i brevetti, i vaccini siano di tutti: l'economia è malata»

Vaccini, papa Francesco: «Sospendere i brevetti, siano di tutti: l'economia è malata»

Vaccini, il Papa chiede di «abbandonare i nostri individualismi e promuovere il bene comune». Per questo è necessario «uno spirito di giustizia che ci mobiliti per assicurare l'accesso universale al vaccino e la sospensione temporanea dei diritti di proprietà intellettuale».

 

Così Papa Francesco in un videomessaggio ai giovani partecipanti al «Vax Live». Occorre «uno spirito di comunione che ci permetta di generare un modello economico diverso, più inclusivo, equo, sostenibile». «La pandemia ci ha messo tutti in crisi, ma non dimentichiamo che non si esce uguali da una crisi, o ne usciamo migliori o peggiori».

Vaticano, il 'vaccino pagato' permette la vaccinazione di altri 300 poveri 'invisibili'

Una variante del «virus dell'individualismo» è «quando creiamo e alimentiamo un'economia malata, che consente a pochissimi ricchi di possedere più di tutto il resto dell'umanità, e che modelli di produzione e consumo distruggano il pianeta, la nostra 'casa comunè. Queste cose sono interconnesse. Tutta l'ingiustizia sociale, tutta l'emarginazione di alcuni, in povertà o in miseria, influiscono anche sull'ambiente. Natura e persona sono unite», dice ancora Bergoglio. «Cari giovani nell'età e nello spirito: ricevete un cordiale saluto da questo vecchio - spiega poi il Papa -, che non balla e non canta come voi, ma che crede insieme a voi che l'ingiustizia e il male non sono invincibili. Il coronavirus ha prodotto morti e sofferenza, che colpiscono la vita di tutti, soprattutto dei più vulnerabili. Vi prego di non dimenticare i più vulnerabili».

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 8 Maggio 2021, 11:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA