Papa Francesco: «Vaccini, negazionisti anche tra cardinali. Matrimonio solo uomo-donna, ma unioni civili gay possibili»
di Franca Giansoldati

Papa Francesco: «Vaccini, negazionisti anche tra cardinali. Matrimonio solo uomo-donna, ma unioni civili gay possibili»

Da bordo dell'aereo Papale – Anche se il volo da Bratislava a Roma è piuttosto breve Papa Francesco ha risposto volentieri alle domande dei giornalisti. I temi che ha preso di petto sono tutti importanti: il futuro del cristianesimo in Europa, la questione dell'aborto e della comunione ai politici cattolici che sostengono leggi abortiste (un argomento che sta dividendo l'America poiché il presidente cattolico Biden è apertamente abortista), la spaccatura emersa tra no-vax e coloro che ritengono necessarie queste misure per debellare il Covid-19 (persino tra cardinali) e, infine, il grande tema delle unioni gay. Quest'ultimo argomento è reso ancora più urgente dalla presa di posizione europea che in una risoluzione afferma che i matrimoni e le unioni registrate in uno dei paesi membri siano valide in tutta l'Unione.

 

 

 

MATRIMONIO GAY 

«Il matrimonio e' solo tra un uomo e una donna: e' un sacramento e la Chiesa non ha il potere di cambiare i sacramenti. Ma ci sono leggi che civilmente cercano di aiutare tanta gente di orientamento sessuale diverso: e' importante aiutare la gente, ma senza imporre cose che, per loro natura, nella Chiesa non vanno». Il Papa ha fatto anche l'esempio della legge francese sui Pacs, a suo parere accettabile ad una condizione: «senza che questo abbia a che vedere con le nozze omosessuali: possono usarli ma il matrimonio come sacramento e' uomo-donna». E ancora. «Ho parlato chiaro: il matrimonio è un sacramento e la Chiesa non ha il potere di cambiare i sacramenti come il Signore li ha istituiti. Esistono leggi civili che cercano di aiutare la situazione di tanta gente di orientamento sessuale diverso. E'importante che si aiutino, ma senza imporre cose che nella chiesa per sua natura non vanno. Se due omosessuali vogliono passare la vita insieme, gli Stati hanno possibilità civilmente di sostenerli, di dargli sicurezza di eredità e salute. Ma il matrimonio è matrimonio e non vuol dire condannarli, per favore, sono fratelli e sorelle e dobbiamo accompagnarli ma è chiaro, il matrimonio è uomo e donna, dobbiamo rispettare tutti, ma la chiesa non rinneghi la sua verità. Molti si accostano a chiedere consiglio ai sacerdoti che lo aiuta ad andare avanti con la loro vita».

 

 

BIDEN

Papa Francesco ha ribadito che per la Chiesa nulla è cambiato: l'aborto resta «un omicidio». E ha aggiunto che e' come «affittare un sicario per risolvere un problema». Tuttavia sulla bufera che è stata sollevata da tanti vescovi americani che si rifiutano di dare la comunione ai politici che difendono la possibilità' di scelta delle donne il Papa precisa: «i vescovi devono agire come pastori: nella storia della Chiesa, tutte le volte che i vescovi hanno gestito un problema non come pastori si sono schierati sul versante politico». Per il Papa la comunione «non è un premio per i perfetti, la comunione è un dono, un regalo, la presenza di Gesù nella Chiesa e nella comunità. Poi coloro che non stanno nella comunità non possono fare la comunione perché stanno fuori dalla comunità, non sono battezzati o si sono allontanati».

VACCINI

Papa Francesco si è lamentato che esistono No Vax anche in Vaticano. «Anche nel collegio cardinalizio ci sono negazionisti e uno di questi, poveretto, e' ricoverato con il virus... ironia della vita», riferendosi al cardinale Raymond Burke, ricoverato in terapia intensiva. Poi ha ripetuto che «vaccinarsi è un atto d'amore» e i cristiani ne devono tenere conto.

ANTISEMITISMO

Sul volo il Papa ha ricevuto un messaggio da parte della scrittrice ebrea sopravvissuta alla Shoah, Edith Bruck («Amato Papa Francesco, le Sue parole sull'antisemitismo mai sradicato oggi sono piu' che mai attuali non solo nei Paesi che sta visitando ma in tutta l'Europa. Spero che la Sua visita abbia qualche effetto positivo»). Francesco scuoteva la testa annuendo: «E' vero questo, l'antisemitismo e' alla moda, sta risorgendo. E' una cosa brutta». 

ORBAN

Nell'incontro a Budapest con il premier ungherese ha detto di avere parlato di molte cose, ma di non avere mai affrontato il tema dei migranti. «Il primo tema è stato l'ecologia, chapeau per gli ungheresi, con davvero una grande coscienza ecologica. Poi io ho domandato sulla media dell'età, sono preoccupato dell'inverno demografico. In Italia la media è di 47 anni e credo che in Spagna sia ancora peggio, tanti villaggi sono vuoti è una preoccupazione seria. Il presidente mi ha spiegato la legge per aiutare le coppie giovani con i figli. Sull'immigrazione niente, non si è parlato. Abbiamo parlato di famiglia, nel senso che si vede che c'è tanta gente giovane, tanti bambini, anche in Slovacchia. Ora la sfida è cercare posti di lavoro perché non vadano fuori a cercare lavoro. E stato un bel clima, è durato abbastanza 50 minuti».


 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Settembre 2021, 19:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA