Santi anche per la Chiesa i 21 copti ortodossi sgozzati dalla Jihad in Libia, è la prima volta

Proclamati santi anche per la Chiesa i 21 copti ortodossi sgozzati dalla Jihad in Libia, è la prima volta

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Per la prima volta sono stati dichiarati santi e martiri anche nella Chiesa cattolica i 21 cristiani (copti ortodossi) che furono decapitati dall'Isis in Libia nel 2015, le cui immagini drammatiche fecero il giro del mondo e inorridirono chiunque per l'efferatezza di quella esecuzione.

Nel filmato si vedevano degli uomini con la tuta arancione in ginocchio, ciascuno con dietro un miliziano vestito di nero e il coltello alla gola, mentre i jihadisti pronunciavano il verdetto e minacce verso Roma mentre minacciavano di conquistarla. L'esecuzione avvenne sulla spiaggia, davanti al Mediterraneo. Fu uno degli episodi mediatici più sconvolgenti della propaganda dell’orrore. Il ritrovamento avvenne due anni dopo poco lontano dalla zona costiera vicina all’Hotel Mahary, a ovest di Sirte e stamattina Papa Francesco ha accolto le loro reliquie in Vaticano, donategli dal Papa dei copti ortodossi, l'egiziano Tawadros II che ieri ha partecipato con Papa Francesco all'udienza generale in occasione del cinquantesimo anniversario del primo incontro tra Paolo VI e l'allora leader della Chiesa copta ortodossa. 

Papa Francesco rende onore ai martiri cristiani sgozzati dall'Isis, sono morti pregando

Dopo il colloquio privato e la presentazione della delegazione copta, prima dello scambio dei doni, Papa Francesco ha pronunciato un discorso in cui ha parlato di un lungo cammino di amicizia. «Non ho parole per esprimere la mia gratitudine per il dono prezioso di una reliquia dei martiri copti uccisi in Libia il 15 febbraio 2015.

Questi martiri sono stati battezzati non solo nell’acqua e nello Spirito, ma anche nel sangue, un sangue che è seme di unità per tutti i seguaci di Cristo. Sono lieto di annunciare oggi che questi 21 martiri saranno inseriti nel Martirologio Romano come segno della comunione spirituale che unisce le nostre due Chiese».

In Egitto inaugurato un museo per ricordare i 21 copti sgozzati in Libia nel 2015

Le ventuno vittime del massacro erano operai edili che lavoravano in un cantiere di Sirte. Di loro solo venti erano cristiani egiziani assieme ad un cittadino ghanese che lavorava insieme al gruppo ma che si sarebbe convertito proprio vedendo la fede dei colleghi. Ognuno di loro sembra sia morto sgozzato pronunciando il nome di Cristo come si evince dalle immagini che vennero diffuse dagli jihadisti.

Ognuno di loro è considerato martire della fede per aver rifiutato di rinnegare Gesù Cristo a costo della vita. Il patriarca ortodosso Tawadros aveva inserito già dal 2015 i loro nomi nel Sinassario, l’equivalente orientale del martirologio romano, venerandoli come santi. Da oggi sono martiri anche per i cattolici. 

Copti sotto attacco: in sei anni una lunga scia di sangue


Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Marzo 2024, 10:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA