Tre famiglie umbre e un ex consigliere si salvano per miracolo
da rogo di un residence a Montalto Marina. Il racconto
di Luca Benedetti

Tre famiglie umbre e un ex consigliere si salvano per miracolo
da rogo di un residence a Montalto Marina. Il racconto


MONTALTO MARINA (VITERBO) C’erano anche due famiglie di Perugia e una di Città della Pieve ospiti del residence Margherita di Montalto Marina, in provincia di Viterbo, che è stato mezzo distrutto da un violentissimo incendio. In tutto, tra adulti e bambini, dodici persone che hanno vissuto una notte di paura.
C’è chi ha perso tutto quello che si era portato in vacanza, anche le chiavi dell’auto e quelle di casa.
Tra loro anche Mauro Cozzari, ex consigliere comunale di Perugia e attuale direttore amministrativo presso Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia.
«Eravamo arrivati- racconta Cozzari, al penultimo giorno di vacanza. La mia famiglia e quella di mio cognato eravamo andati a cena fuori. Ma quella cena non l’abbiamo conclusa. A un certo punto abbiamo visto fuoco e fumo che venivano dal nostro residence». Una parte del complesso è andata completamente distrutta. Sembra che l’innesco del rogo sia dovuto a un mozzicone di sigaretta.
«Oltre alla mia famiglia e quella di mia cognato, otto persone tra adulti e bambini, c’era anche una famiglia di Città della Pieve con i loro due figli. A noi è andata relativamente bene perché avevamo la stanza nella che non è stata danneggiata dal fuoco. Ma i vestiti che abbiamo recuperato sono tutti impregnati di fumo, forse non basterà l’intervento della lavanderia per poterli riutilizzare. Alla famiglia di mio cognato è andata peggio: hanno salvato solo i vestiti che avano indosso. Il fuoco ha distrutto anche le chiavi dell’auto che avevano lasciato nella cassaforte del residence. Per fortuna le auto erano in garage: c’è chi ha visto bruciare anche quelle».


Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Agosto 2020, 17:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA