Orvieto, giuramento alla "Montegrappa" dei baschi verdi della Guardia di Finanza
di M. R.

Orvieto, giuramento alla "Montegrappa" dei baschi verdi della Guardia di Finanza

Venerdì 22 ottobre, alla Caserma “Monte Grappa” di Orvieto, sede della Scuola Addestramento di Specializzazione della Guardia di Finanza si è svolta, nel pieno rispetto dei protocolli anti-COVID19, la Cerimonia conclusiva del 42° Corso ordinario e dell’8° Corso straordinario di Specializzazione “Antiterrorismo e Pronto Impiego”, riservato ad Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati e Finanzieri.



Alla presenza dell’Ispettore per gli Istituti di Istruzione della Guardia di Finanza Generale Corpo d'Armata Carlo Ricozzi, del Comandante della Legione Allievi di Bari, Generale Giuseppe Gerli e delle più alte autorità civili e militari cittadine, i neo “baschi verdi” hanno solennemente vestito il caratteristico copricapo, indossato dal personale della Guardia di Finanza a cui sono affidati particolari compiti di carattere operativo.

Accompagnata dalla musica della Fanfara della Legione Allievi, la cerimonia ha avuto il suo culmine nel momento in cui il l’Ispettore per gli Istituti di Istruzione e il Comandante della Legione Allievi hanno consegnato il “basco verde”, copricapo distintivo dei militari ATPI, ai primi classificati dei due corsi
che lo hanno indossato oggi per la prima volta insieme agli altri frequentatori che concludono il loro periodo di formazione specialistica.

In considerazione dell’elevato livello di specializzazione raggiunto alla fine del corso, i neo militari A.T.P.I. saranno assegnati su tutto il territorio nazionale ai Reparti di Pronto Impiego che rappresentano le unità di maggiore flessibilità operativa della Guardia di Finanza il cui impiego è previsto in situazioni connotate da più elevati profili di rischio o che richiedono prontezza d’intervento, dinamismo e versatilità.


In particolare i neo “baschi verdi” saranno destinati a svolgere attività di: concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica in occasione di manifestazioni, cortei, sbarchi di immigrati clandestini, eventi sportivi, meeting internazionali; vigilanza ad obiettivi sensibili, sia fissa che dinamica ed attività
antiterrorismo, in particolare presso gli aeroporti; servizi di protezione e scorta, per i quali conseguiranno la necessaria abilitazione di “Addetto ai servizi di protezione” attraverso la frequenza di un’ulteriore specifico corso svolto sempre presso la Scuola Addestramento di Specializzazione di Orvieto.

Saranno infine impiegati nel servizio di pubblica utilità “117”, sia per il controllo economico del territorio che per la prevenzione ed il contrasto ai traffici illeciti (contrabbando, traffico di sostanze stupefacenti, contraffazione di marchi, pirateria audiovisiva, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina).


Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Ottobre 2021, 11:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA