Terni. Filipponi (Pd): «Ex Milizia, il Comune stoppi la variante»

Terni. Filipponi (Pd): «Ex Milizia, il Comune stoppi la variante»
«Impegniamo la giunta comunale ad aprire un immediato confronto con la Regione sui motivi che hanno indotto ad
abbandonare o comunque a non tenere in considerazione il progetto di
adeguamento sanitario del fabbricato denominato "Ex Milizia" a Centro dialisi, laboratorio
analisi, poliambulatori, laboratorio per la preparazione dei farmaci oncologici e laboratorio
galenica».
La proposta arriva dal capogruppo del Pd, Fracesco Filipponi che invita l'amministrazione Bandecchi a rivedere la destinazione d'uso del fabbricato che nei piani della Regione dovrà diventare un centro residenziale a servizio delle famiglie dei pazienti del Santa Maria gestito dell'Ater. La destinazione d'uso dell'ex Milizia, che doveva diventare un centro specializzato per le cellule staminali, torna così in discussione. Durante la pandemia, era stato proposto dal M5s di utilizzare quei locali per l'emergenza covid, ma anche in quel caso la proposta non venne presa in considerazione. Ora è il Pd che torna a chiedere chiarimenti. Aggiungendo anche altro. «Inoltre - aggiunge il capogruppo del Pd in Consiglio comunale Francsco Filipponi - impegniamo la giunta ad un confronto con l'azienda ospedaliera, sugli accorpamenti riguardanti le aree ospedaliere inerenti l'ospedale di Terni, e sulle
possibili soluzioni relative alle liste d'attesa di urologia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio 2024, 08:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA