Cartoguida Michelin Destinazione Emilia, la presentazione a Reggio Emilia

di Emiliana Costa
Una mappa "speciale" per promuovere il turismo enogastronomico della zona "Destinazione Emilia" (l'aerea turistica che comprende i territori di Parma, Piacenza e Reggio Emilia), offrendo allo stesso tempo una suggestiva esperienza di viaggio. È la Cartoguida Travel and Food Map Destinazione Emilia, il nuovo prodotto editoriale targato Michelin, presentato mercoledì 3 aprile, al Teatro Valli di Reggio Emilia. 

Si tratta di una mappa che aggrega i prodotti tipici del territorio, i punti di interesse artistico-culturali segnalati dalla Guida Verde Michelin e i ristoranti selezionati dagli ispettori della Guida Rossa Michelin. L'obiettivo è quello di costruire percorsi alternativi, non ancora evidenziati sulle mappe del turismo.



Presente all'evento, Philippe Orain, direttore editoriale e capo redattore delle Guide Verdi Michelin. Ai microfoni di Leggo, Orain ha spiegato la genesi della nuova cartoguida. «Si tratta di una descrizione precisa di tutti i siti turistici di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Una sorta di allenza tra la selezione della Guida Verde Michelin, la Guida Rossa dedicata ai ristoranti e la cartografia Michelin. Con una bella carta illustrata del territorio, che dimostra come questa regione abbia una grande potenzialità turistica. La nostra cartoguida rappresenta, dunque, una risposta alla crescita del turismo enogastronomico dell'area ed è coerente con l’obiettivo di Michelin di promuovere la mobilità offrendo nel contempo la miglior esperienza di viaggio».

All'evento, è intervenuto anche Pierangelo Romersi, direttore Destinazione Turistica Emilia. «Questa giornata  - ha spiegato Romersi a Leggo - organizzata dai territori di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, in collaborazione con Michelin, ha l'obiettivo di mettere in luce le potenzialità turistiche del nostro territorio. Una nuova area del turismo, forte delle sue eccellenze gastronomiche e culturali. Destinazione Turistica Emilia è l’epicentro della Food Valley Italiana, con oltre 15 prodotti tipici riconosciuti con il marchio DOP e IGP e circa 500 produttori, tra caseifici, prosciuttifici e cantine. La nuova Food and Map Travel è uno strumento ricco di informazioni per i turisti che potranno scegliere in base alle loro preferenze e, attraverso una grafica intuitiva, tra la moltitudine di opportunità offerte dal nostro meraviglioso territorio, che tra l’altro piace molto, come confermano i dati relativi ai flussi turistici. In media +6% sui
pernottamenti e +5,6% di presenze
». 



 
Mercoledì 3 Aprile 2019, 20:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA