Il weekend delle sagre si festeggia a Città della Pieve e Tassullo tra zafferano e formaggi di malga

Il weekend delle sagre si festeggia a Città della Pieve e Tassullo tra zafferano e formaggi di malga

Dall’Umbria al Trentino-Alto Adige, “Zafferiamo” e “Formai dal Mont” sono le sagre del fine settimana che attendono gli amanti dei sapori di una volta, mentre a Canterano e a Cantiano si vivranno gli ultimi momenti di altri due gustosi eventi. Dal 19 al 21 ottobre, l’affascinante spezia impiegata sin dall’antichità sarà l’assoluta protagonista nel centro storico di Città della Pieve: chiamato “croco” prima dai Greci, poi dai Romani e ancora nel corso di tutto il Medioevo, lo zafferano ha trovato in questo tratto del centro Italia il suo habitat ideale. I visitatori scopriranno che dalla cucina ai tessuti, fino alla pittura e alla cosmesi, i suoi possibili utilizzi sono molteplici e affondano le proprie radici in un passato lontano. Sul fronte gastronomico, i ristoranti presenteranno particolari menù a tema, mentre gli operatori commerciali del centro storico offriranno in degustazione delizie ai profumi della spezia: gelati, aperitivi, cocktail, pizze, salumi e, grande novità dell’edizione 2018, i bomboloni allo zafferano. Il tesoro di colore rosso, che poi diventa giallo, sarà poi al centro di trattamenti di benessere, laboratori di tintura e mini corsi di pasta fatta in casa.

Sabato e domenica i turisti più curiosi saranno accompagnati attraverso un percorso alla scoperta della maglia urbana medievale della cittadina fino al nuovo zafferaneto urbano, realizzato dai produttori nell’antico “Orto del Seminario”; qui esperti del Consorzio spiegheranno le caratteristiche e le tecniche produttive per poi procedere alla raccolta dei fiori, alla sfioratura e all’essiccazione del prodotto. Gusto e qualità dei prodotti, insomma, si intrecceranno con la storia e le bellezze di Città della Pieve, adagiata a 500 metri di altezza su un colle che domina la Val di Chiana e il Trasimeno. Risalendo la Penisola fino alla provincia di Trento, “Formai dal Mont” - in programma il 20 e il 21 ottobre a Tassullo - è la manifestazione che permetterà ai visitatori di conoscere la Val di Non, la Val di Sole e l’Altopiano della Paganella da un punto di vista gustoso e originale: quello dei formaggi di malga, un patrimonio unico di sapori e profumi da scoprire nella splendida cornice di un castello medievale. Splendida location dell’evento sarà infatti Castel Valer, antico maniero che ospiterà gli stand dei pastori delle valli, produttori di formaggio a base di latte vaccino fresco e stagionato e caprino fresco, che faranno assaggiare le proprie delizie e ne spiegheranno i processi di lavorazione.

Oltre alla giuria di esperti, anche i visitatori potranno votare il miglior formaggio della manifestazione, e grande spazio sarà dato alle degustazioni guidate in abbinamento ai migliori prodotti locali. I bambini potranno cimentarsi in divertenti laboratori di cucina sull’attività casearia e nel ricco programma spiccano anche le rievocazioni di antichi mestieri, le fattorie didattiche e le bancarelle che proporranno le delizie della Strada della Mela e dei Sapori della Val di Non e di Sole, Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e produttori di Campagna Amica, con salumi, vini, miele, dolci e ortaggi.

Sul fronte culturale, sarà possibile partecipare agli accompagnamenti narrati fra le corti, i giardini e gli affreschi di Castel Valer e Castel Nanno, e le visite guidate alla Chiesa S. Maria Assunta, alla chiesetta dell’Immacolata a Sanzenone e a Palazzo Pilati. Intanto nel Lazio e nelle Marche altre due sagre vivranno nel weekend i loro momenti conclusivi. Quella del tartufo di Canterano, piccolo borgoincastonato sotto gli Appennini in provincia di Roma, che il 20 e il 21 ottobre tornerà a proporre il tartufo nero pregiato e il tartufo scorzone sulle bruschette, sulla pasta fatta in casa e sulle uova; lo stand gastronomico sarà aperto sabato dalle 12 alle 22 e domenica dalle 12 alle 17, con il vino rosso della zona che accompagnerà le portate e gli spettacoli di musica popolare dal vivo a garantire l’intrattenimento.

Il 21 ottobre, infine, il Grand Tour delle Marche varato da Tipicità ed ANCI Marche tornerà a far tappa a Cantiano per la “Fiera Cavalli”, che coinvolgerà grandi e piccini di fronte ad un magico mondo di criniere al vento, luminose livree e trepidanti scalpitii; protagonista dell’evento sarà il cavallo del Catria, una razza autoctona dai tratti sobri e robusti allevata allo stato brado, e ci sarà spazio anche per un percorso del gusto tra le migliori ricette della provincia di Pesaro e Urbino.

Sabato 20 Ottobre 2018, 16:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA