Ascrea e Monteleone Sabino salutano il mese di agosto con le fettuccine ai funghi porcini e alla trebulana

Ascrea e Monteleone Sabino salutano il mese di agosto con le fettuccine ai funghi porcini e alla trebulana

Per chi vuole fuggire dal caldo delle grandi città e anche dalle spiagge affollate, ci sono due “rifugi” sicuri nel cuore della provincia di Rieti. Ad Ascrea, borgo a 700 metri di altezza da cui si può ammirare il lago del Turano in tutto il suo splendore, andrà in scena domenica 5 agosto la Sagra delle fettuccine ai funghi porcini. Un appuntamento ormai storico - giunto alla 32esima edizione - che riesce a coniugare al meglio la buona cucina con quel clima tipico di festa che solo nei piccoli centri si riesce ancora a respirare.



A partire da mezzogiorno inizierà, in una comoda tensostruttura coperta, la distribuzione delle fettuccine fatte in casa, una ricetta tipica della tradizione contadina realizzata con materie prime rigorosamente del posto; una delizia da accompagnare con bruschette, salsicce, fagioli e un buon bicchiere di vino. L’intrattenimento sarà garantito dalla mostra degli attrezzi della civiltà contadina e dagli spettacoli di musica dal vivo, e a disposizione dei visitatori ci sarà un comodo bus-navetta per raggiungere il paese dopo aver parcheggiato lungo la strada provinciale; gli organizzatori hanno pensato anche a un servizio di bus-navetta “Camper Friendly”, con corse dedicate ai camperisti fino all’area sosta di Castel di Tora.

A Monteleone Sabino invece, nelle serate di sabato 4 e domenica 5 agosto sarà servito in tavola un concentrato di sapori unico: le fettuccine alla trebulana. Per prepararle, le cuoche del posto seguono ancora oggi un’antichissima ricetta: prima impastano farina e uova, poi tirano la sfoglia a mano con il mattarello di legno, e dopo il taglio condiscono il tutto con piselli, pomodoro, funghi, prosciutto e pancetta. Il risultato è un gustoso piatto che, già nel nome, porta con sé i segni indelebili di affascinanti trascorsi: Trebula Mutuesca, infatti, è la città sabino-romana che visse il suo periodo più fiorente nel I° Secolo a.C. e che affonda le sue radici in un glorioso passato intriso di storia, misteri e leggende. Nelle due serate di festa, le fettuccine alla trebulana saranno proposte ai visitatori insieme a una ricca carrellata di antiche ricette monteleonesi, tutte esaltate dal prodotto più conosciuto della zona, l’olio extravergine di oliva della Sabina; e come ogni anno non mancheranno gli spettacoli musicali e le bancarelle del mercatino di artigianato e prodotti tipici.

Sempre in questo fine settimana anche Voghiera, località ricca di storia alle porte di Ferrara, celebrerà il suo prodotto di punta: la Fiera dell’aglio tornerà dal 3 al 5 agosto conmostre, curiosità e spettacoli che attendono i visitatori nella suggestiva cornice nella Delizia di Belriguardo, splendida residenza estense. Il tutto senza dimenticare, ovviamente, le degustazioni a tema, come il salame all’aglio ferrarese, l’aglio sottolio e il patè di aglio, da accompagnare con i tortelli, le carni ai ferri e i dolci tradizionali del territorio.

Le sagre d’agosto riprenderanno dopo pochi giorni con un irresistibile tris. Al grido di “Mordi il bello della vita”, dal 9 al 19 Ascoli Piceno accoglierà i visitatori per l’Ascoliva Festival, il Festival mondiale dell’oliva ascolana del Piceno Dop giunto alla sesta edizione; il 12 agostoMarcetelli (Rieti) proporrà, con il “Serpentone di Montagna”, un percorso enogastronomico nel centro storico del borgo a due passi dal Lago del Salto; e sempre in provincia di Rieti, a Casaprota il 12 e 13 agosto sarà la volta dellaSagra delle fettuccine ai funghi porcini, l’evento di punta del “Ferragosto Casaprotano”, una manifestazione articolata in un ricco programma di musica, sport, spettacoli e gastronomia.

Giovedì 2 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME