WhatsApp, se vi arriva una mail con il backup delle chat non apritela: è una truffa

Negli ultimi giorni, si è intensificata la diffusione di finte e-mail in arrivo da WhatsApp: l'app di messaggi istantanei non c'entra nulla

WhatsApp, se vi arriva una mail con il backup delle chat non apritela: è una truffa

Occhio alle e-mail del finto WhatsApp. Sembrano in tutto e per tutto messaggi di posta elettronica inviati da un indirizzo mail del sito della popolare app di messaggistica istantanea, ma non è così. E anche se invitano a scaricare il backup delle chat per non perderle, si tratta solo dell'ennesima truffa di phishing.

Whatsapp, l'assalto dei politici: «Votami, sono candidato»

WhatsApp, la finta mail con il backup delle chat

Negli ultimi giorni, diversi utenti hanno segnalato l'arrivo di alcune e-mail che sembrerebbero arrivare davvero dal sito di WhatsApp. E senza prestare la dovuta attenzione, potrebbero essere prese per autentiche ed affidabili. Nell'oggetto e nel testo delle e-mail, l'utente viene invitato a scaricare il file di backup delle chat per non perdere le conversazioni. Ma è essenziale non farlo.

WhatsApp, occhio al phishing

WhatsApp è ovviamente estranea e parte lesa di questa truffa. Sfruttando la popolarità e l'universalità dell'app, i truffatori hanno pensato bene di inviare finte e-mail a ignari utenti. La differenza, come al solito, sta in pochi caratteri o parole. La maggior parte delle e-mail arriva infatti da un indirizzo di posta elettronica che ha come dominio "whatsappweb.com". Mentre l'unico dominio ufficiale di WhatsApp è semplicemente "whatsapp.com". Una somiglianza solo parziale che però può fare tutta la differenza del mondo. Scaricare quel file, come indicato dalle e-mail truffa, rischia di far installare nel sistema un trojan capace di eliminare i dati presenti nel dispositivo utilizzato o di acquisire e trasmettere i dati sensibili dell'utente.

Come evitare il trojan

In genere, se si utilizza un antivirus efficace ed aggiornato, sarà lo stesso software a segnalare il rischio di installare e avviare quel file. Gli esperti informatici, poi, invitano a non cliccare mai sui link che arrivano tramite e-mail o messaggi di WhatsApp sospetti, a non condividere mai dati personali o bancari e a diffidare dalle promozioni online che richiedono di fornire informazioni personali. Ma soprattutto, quando si riceve una e-mail, è sempre bene leggere con la massima attenzione nomi e domini presenti negli indirizzi del mittente.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Settembre 2022, 22:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA