Twitter rivoluziona i cinguettii: sarà possibile postare i vocali
di Marco Esposito

Twitter rivoluziona i cinguettii: sarà possibile postare i vocali

Odiate i messaggi audio di WhatsApp? Fate parte di quelli che quando vedono arrivare una nota vocale iniziano ad imprecare verso chi l'ha inviata? Allora per voi stanno per arrivare tempi duri, soprattutto se frequentate Twitter.
Infatti, il social network dei cinguettii ha lanciato una novità: da ora in poi si potranno fare dei tweet audio. La notizia è stata data nella serata di mercoledì dal blog ufficiale di Twitter. Per la precisione si tratta ancora di una prima fase di test e ovviamente non tutti gli account saranno coinvolti. Infatti, per questa prima fase, soltanto una parte gli utenti Ios, quindi quelli che posseggono un iPhone, faranno parte di questo esperimento.

Leggi anche > Twitter, i vocali si potranno postare. Maddalena Messeri: «Non mandateli di dieci minuti...»​



Proprio in queste ore la novità sta arrivando sui telefoni di questi fortunati insieme all'ultimo aggiornamento dell'App di Twitter. Sarà possibile mandare note audio lunghe fino a 140 secondi, ovvero circa 2 minuti e 20 secondi; insomma il social network perde così un po' la caratteristica di brevità e sintesi che lo aveva reso famosi ormai oltre dieci anni fa. C'è da dire che ultimamente le strategie del social di Jack Dorsey, il fondatore e inventore di Twitter, sono apparse un pochino confuse.
L'impressione è che Twitter che sta perdendo centralità rispetto a molti social (Facebook, Instagram e ora anche Tik Tok) sembra inseguire le peculiarità degli altri social, finendo con lo snaturarsi. E' di poco tempo fa la novità dei fleet che altro non sono che dei tweet che vengono visualizzati esattamente come le stories di Instagram. Posti in alto sul nostro schermo, permettono di vedere in sequenza dei tweet speciali fissati per 24 ore dagli altri utenti. Un'operazione che ha suscitato molte critiche nei confronti di Dorsey, perché questi fleets sono stati avvertiti come qualcosa di assolutamente estraneo al microcosmo di Twitter.
Certo, tornando alla novità dei tweet audio, pensando al tasso di litigiosità e di aggressività di alcune liti su twitter,` la sola idea di vederle trasformasi in duelli di note audio fa un po' spavento. Se quella stessa litigiosità si dovesse replicare a livello audio non esisterebbe alcun tipo di moderazione in grado di fermare un eventuale diluvio di improperi e parolacce.
Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Giugno 2020, 18:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA