Un bell'orto per tutti
di Maddalena Messeri

Un bell'orto per tutti

L'orto vuole l'uomo morto e la terra è bassa diceva sempre mio nonno, in effetti avere un orto significa fatica, schiena curva sulle piante e pelle cotta dal sole. Ma lasciando il mondo dei campi e abbracciando l'urbanizzazione, per chi vuole coltivare qualcosa le cose si sono fatte paradossalmente più semplici. È sempre più in voga infatti la creazione di piccoli orti da balcone, isole verdi che spuntano sulle nostre finestre e terrazze. E se a New York è ormai un'abitudine, in Italia stiamo iniziando a capire che non è una follia new age: avere un ortino a casa è proprio divertente. Così spuntano tutorial su YouTube, prodotti ad hoc e profili social pieni di consigli. Niente paura: anche per i pollici neri sarà facilissimo, serviranno solo un po' di acqua, sole e pazienza. Il resto verrà da sé. Da seguire su Instagram: @tomappo_ la app per progettare il proprio orto, il @calendariodellorto per conoscere i momenti della semina, @diariodiunagronomo e @ortodacoltivare per dritte e idee. Prima di tutto bisogna organizzare lo spazio e scegliere i vasi: meglio la terracotta e più sono grandi e meglio è (ma occhio alla portata del balcone). Poi cominciare con le piante più semplici: piantine aromatiche, lattuga, pomodori, fragoline e peperoncini. La produzione non sarà abbondante, ma la soddisfazione quella sì, sarà tanta.
@maddai_
 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Maddalena Messeri, sangue toscano in cuore romano, si occupa di comunicazione digitale e produzione di contenuti, collabora con diverse testate online. Trentanni, ha una vespa, un cane e una penna stilografica con cui scrive tutti i giorni dai tempi del liceo. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Marzo 2021, 12:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA