Rivoluzione Telegram, le dirette in streaming aprono a spettatori illimitati
di Paolo Travisi

Rivoluzione Telegram, le dirette in streaming aprono a spettatori illimitati

Dirette in streaming e spettatori illimitati. Telegram volta pagina e nel corposo aggiornamento 8.0, il popolare servizio di messaging, alternativo a WhatsApp, aggiunge nuove opzioni, tra cui la possibilità di fare dirette in streaming abolendo il limite attuale dei 1.000 spettatori, aprendo quindi ad un pubblico senza più limitazioni.

 

La notizia, anticipata dai rumors di alcuni siti e poi annunciata tramite il blog ufficiale di Telegram, si aggiunge al record di download raggiunto recentemente, un miliardo; a giovarne saranno i creatori di contenuti che dopo Twitch, avranno anche Telegram per lanciare i loro live, e sfruttare le potenzialità di una "stazione tv" (parole usate da Telegram) alternativa alla vera tv, che nelle nuove generazioni sembra avere sempre meno appeal.

 

Instagram chiede il giorno del compleanno agli utenti. Ecco perché

 

Per accedere alla nuova funzionalità è piuttosto semplice. Anzitutto è necessario essere l'amministratore di un canale o di un gruppo, dopodiché si avvia la diretta streaming del canale o la chat video e si decide chi ammettere alla partecipazione del live; infatti gli spettatori potranno alzare la mano e se autorizzati si uniranno alla diretta di Telegram, che lo scorso luglio aveva introdotto le videochiamate ad un massimo di mille utenti per seguire eventi dal vivo, possibilità che ora è ampliata ad una platea teoricamente illimitata.

 

Inoltre ora i canali sono raggruppati in un apposito feed, il che significa che quando si finisce di leggere l’ultimo messaggio, appare un'icona solamente se ci sono altri messaggi ancora da leggere in altri canali. Al momento la visualizzazione dei nuovi messaggi non è soggetta alla gestione di un algoritmo, ma ha uno "scorrimento" lineare, quindi il nuovo feed arriverà a tutti gli utenti di Telegram e farsi vedere sulla piattaforma sarà molto più facile.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Settembre 2021, 23:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA