Truffa delle telefonate mute che rubano il credito: attenzione al prefisso pericoloso dalla Tunisia
di Nico Riva

Truffa delle telefonate mute che rubano il credito: attenzione al prefisso pericoloso dalla Tunisia

Anno nuovo, truffa vecchia. Anche nel 2020 infatti si contano già diverse segnalazioni circa una truffa nota già da anni. Si tratta delle chiamate mute dalla Tunisia, con il prefisso +216. Le chiamate durano in genere pochi secondi, per chi riesce a rispondere, ma nessuno parla all'altro capo del telefono. E se la vittima prescelta fa l'errore di richiamare il numero sconosciuto, la truffa è servita. Queste chiamate infatti prosciugano il credito telefonico di chi richiama a beneficio dei truffatori, con un costo di circa 1,50 euro al secondo. Può bastare anche un solo minuto per rimanere senza un centesimo sul telefono.

Leggi anche > Nuova truffa sul telefonino, conto corrente svuotato di 10.500 euro a una vicentina

La Polizia Postale, in casi di truffe telefoniche come queste, consiglia principalmente di non rispondere e soprattutto di non richiamare i numeri con il prefisso +216 o di altri Paesi stranieri, a meno che non si attendano chiamate dall'estero da amici, parenti e conoscenti. Sul sito della Polizia Postale si legge inoltre che le segnalazioni circa telefonate sospette provenivano, nel mese di dicembre 2019, principalmente dalla Gran Bretagna e dalla Tunisia. Il modus operandi dei truffatori è sempre lo stesso: uno, massimo due squilli, per incuriosire la vittima e indurla a richiamare. A quel punto, scatta la trappola e il conto si prosciuga in fretta. La Polizia Postale consiglia inoltre di non inviare messaggi, non aprire link inviati da numeri sconosciuti e, se necessario, bloccarli. 
Venerdì 3 Gennaio 2020, 11:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA