Truffa sul cellulare con i servizi automatici in abbonamento: ecco come difendersi

Truffa sul cellulare con i servizi automatici in abbonamento: ecco come difendersi

  • 318
    share
Finora pensavamo di averle viste tutte: dal 'brand-hijacking' al 'phishing', basta un minimo di ingenuità per cadere in truffe informatiche capaci di rubare dati e denaro. Questa volta, però, la truffa è ancora più potente: basta navigare in rete con lo smartphone, un'abitudine sempre più radicata tra gli utenti di tutte le età, e ritrovarsi abbonati a costosi servizi in grado di 'prosciugare' il credito telefonico.



LEGGI ANCHE ---> POSTEPAY, OCCHIO AL SITO CLONE CHE RUBA DATI E DENARO


In questo caso la truffa, denunciata anche dalla Polizia di Stato, avviene per imprudenza dell'utente, ma non siamo di fronte a e-mail false o a link solo all'apparenza simili agli originali. Basta infatti scorrere per errore il dito sullo schermo mentre navighiamo con il browser dello smartphone, o magari chiudere un fastidioso pop-up, per ritrovarsi abbonati a servizi di dubbia utilità ma dai costi decisamente gravosi (dai 5 euro a settimana in su). La cosa più grave è che, in molti casi, il link che servirebbe ad annullare l'iscrizione non sempre funziona e quasi mai il credito del primo abbonamento viene restituito.



Il consiglio della Polizia di Stato è quello di contattare immediatamente l'assistenza clienti del proprio operatore telefonico e comunicare il servizio in abbonamento non richiesto. Gli operatori, in teoria, sono tenuti, dietro richiesta dell'utente, ad annullare l'offerta in abbonamento e a restituire il 'maltolto'. Non sempre questo passaggio risulta però immediato: in caso di rifiuto da parte dell'operatore telefonico ad eseguire la richiesta, l'utente può fare ricorso tramite il Corecom della regione d'appartenenza. Per prevenire la truffa, poi, è possibile contattare gli operatori telefonici e chiedere di poter usufruire dei cosiddetti servizi di 'barring sms'.

LEGGI ANCHE ---> WHATSAPP, TORNA LA TRUFFA DEI FALSI BUONI DECATHLON
Lunedì 8 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-08 10:53:40
Non è proprio una novità... Anzi è già da 2/3 anni... I primi a 'razzolare male' però sono le compagnie stesse e a fare le 'gnorri'... Vedi anche la petizione ed i provvedimenti richiesti da Altroconsumo almeno un anno fa contro 3 (... e questo solo per citarne una... gli esempi e "i finti non sappiamo nulla" delle compagnie non mancano... sono loro i primi che ci marciano e 'fanno finta' ma tante società minori sono collegate comunque con loro)
DALLA HOME