Nel 2022 il satellite MethaneSAT in orbita con SpaceX di Elon Musk

Nel 2022 il satellite MethaneSAT in orbita con SpaceX di Elon Musk

La MethaneSAT LLC, organizzazione no profit, ha annunciato oggi di aver firmato un contratto con SpaceX per lanciare il suo nuovo satellite in orbita a bordo di un razzo Falcon 9. Il satellite MethaneSAT, attualmente in fase di costruzione a seguito del completamento di un intenso processo di progettazione, è in programma per una finestra di lancio che si aprirà il 1° ottobre 2022. "Questa è una missione unica che sfrutta una linea temporale ambiziosa", ha detto il Dr. Steven Hamburg, co-leader del progetto MethaneSAT. "SpaceX offre la prontezza e l'affidabilità di cui abbiamo bisogno per portare il nostro strumento in orbita e iniziare a trasmettere il prima possibile i dati sulle emissioni. Non potremmo chiedere un partner di lancio più idoneo". MethaneSAT è il più recente di un gruppo sempre più numeroso di satelliti per il metano. È stato progettato per colmare un gap importante tra le missioni esistenti, fornendo una maggiore sensibilità e una migliore risoluzione spaziale rispetto agli strumenti di mappatura globale come TROPOMI, insieme ad un campo visivo molto più ampio rispetto a sorgenti puntiformi come GHGSat.

 

MethaneSAT prevede di trasmettere i suoi dati online senza costi aggiuntivi per gli utenti non commerciali. La riduzione delle emissioni di metano prodotte dall'uomo è sempre più riconosciuto dagli scienziati, dai policymaker e dall'industria oil&gas come un elemento necessario per qualsiasi strategia di successo per il clima. Le misurazioni effettuate da MethaneSAT consentiranno sia alle aziende che ai governi di localizzare, quantificare e tracciare le emissioni di metano provenienti dalle operazioni oil&gas in tutto il mondo, e di utilizzare questi dati per ridurre le emissioni di questo gas serra altamente potente.

 

MethaneSAT sta sviluppando una piattaforma dati avanzata per automatizzare le complesse analisi necessarie per determinare la quantità di metano che viene rilasciata in un territorio, trasformando un processo che ad oggi richiede agli scienziati settimane o mesi in un processo che fornisce agli utenti dati fruibili in pochi giorni. Rendere liberamente disponibili i dati sulle emissioni di metano alle infrastrutture petrolifere e del gas di tutto il mondo comporterà una trasparenza senza precedenti, offrendo alle parti interessate e al pubblico una finestra importante sul progresso nei confronti degli obiettivi di riduzione delle emissioni. Una missione unica MethaneSAT è una controllata dell'Environmental Defense Fund (EDF), che vanta una lunga esperienza di collaborazione sia con le aziende che con i policymaker per creare soluzioni innovative e basate sulla scienza per affrontare le sfide ambientali più critiche.

 

"La riduzione delle emissioni di metano dall'industria oil&gas è il modo più veloce ed economico che abbiamo per rallentare il tasso di riscaldamento, anche se continuiamo nella decarbonizzazione del sistema energetico", ha dichiarato Mark Brownstein, Senior Vice President for Energy di EDF. "MethaneSAT è stato progettato per creare trasparenza e responsabilità e per assicurare che le aziende e i governi non perdano questa opportunità". Il mese scorso, il Bezos Earth Fund ha annunciato una sovvenzione di 100 milioni di dollari a EDF per sostenere l’importante lavoro, compreso il completamento e il lancio di MethaneSAT. Environmental Defense Fund, uno dei principali esperti sulle emissioni di metano, ha coordinato una vasta serie di studi che hanno prodotto più di 50 peer-reviewed lavori scientifici che hanno coinvolto più di 150 co-autori accademici e industriali, i quali hanno valutato le emissioni di metano in ogni fase della catena di fornitura del petrolio e del gas negli Stati Uniti.

 

La riduzione del 45% delle emissioni di metano dell'industria oil&gas entro il 2025 produrrebbe lo stesso beneficio climatico ventennale della chiusura di un terzo delle centrali elettriche a carbone del Mondo. L'idea di MethaneSAT è stata presentata per la prima volta da Fred Krupp, Presidente di EDF, in un TED Talk nell'aprile 2018, come uno dei gruppi inaugurali di idee in grado di cambiare il Mondo, ed è stata selezionata per un finanziamento iniziale dall'Audacious Project, successore del TED Prize.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Gennaio 2021, 17:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA